I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, 50 anni per l'Istituto Tecnico Tecnologico Enrico Fermi

FRASCATI (scuola) - Martedì 17 aprile una cerimonia presenziata dagli ex alunni e dirigenti. Giammarini: "Una scuola luogo di incontro di saperi e amicizie. Una scuola fatta di docenti fattivi e attivi".

ilmamilio.it

Si è svolto il 17 aprile scorso il cinquantesimo dell’Istituto tecnico tecnologico di Frascati presso il cortile della scuola dove sul palco, montato per l’occasione, è stato presentato il nuovo logo della scuola, realizzato dagli studenti Adami e De Luca, vincitori del concorso indetto dal Dirigente dell’Istituto Giammarini.

Presenti all’evento Carlo Colizza, consigliere di Roma città Metropolitana, il sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti, Paola Gizzi, assessore alle Politiche scolastiche, ex studenti e dirigenti, i rappresentanti dell’Aeronautica, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza della Polizia di Stato e della Polizia Locale.

Un evento in cui, in una carrellata di ricordi, è stata raccontata la storia di una delle scuole che hanno formato generazione e generazioni di frascatani e non solo e in cui l’attrice, Grazia Scuccimarra, ha dato il suo contributo a vivacizzare la manifestazione.

“Ringrazio i presenti – ha dichiarato il Dirigente Giammarini - per essere intervenuti e aver voluto condividere con tutti noi questo meraviglioso traguardo. Il nostro istituto, che agisce e partecipa alle attività proposte dal e per il territorio, è una scuola che mira ad essere un luogo di incontro di saperi, di amicizie e di persone che in futuro si ricorderanno per ciò che hanno condiviso e dato. E’ una scuola fatta di docenti attivi e fattivi, di un personale che ama il proprio istituto e al fine di rendere il giusto servizio agli studenti”

Immancabile il concerto dove una band musicale ha accompagnato le esibizioni degli studenti in un repertorio che con il contributo della docente Antonella Attorre ha previsto anche brani in lingua inglese. Tanti i progetti svolti durante l’anno e presentati durante la cerimonia tra i quali il centro sportivo scolastico coordinato dal professor Mauro Zuaro e il progetto teatrale gestito dai professori Luongo, Testana, Castaldo e D’Ottavio.

“Questo istituto – ha spiegato Colizza - rappresenta da decenni un punto di riferimento importante per il territorio dei Castelli, che ha saputo, nel tempo, modificare e aggiornare l’offerta formativa, adattandosi ai cambiamenti del mercato e del mondo del lavoro, connettendosi all’esterno e all’Europa ma anche contribuendo a rafforzare la comunità locale, con progetti di integrazione e inclusione sociale. I nostri territori sono ricchi sia di centri formativi di eccellenza, come questo, sia di poli industriali, tecnologici e logistici, dove le carriere possono svilupparsi e le economie innovarsi. Compito delle istituzioni locali è creare, all’interno di un programma di sviluppo sociale e culturale, maggiori connessioni tra scuola e lavoro, tra scuola e sociale, tra tecnologia e ambiente, perché possano trovare sbocco le idee, le innovazioni e le specializzazioni che qui si formano. È quindi compito nostro sostenere e rilanciare istituti come questo, che da 50 anni cura l’educazione e l’istruzione, ma forma anche cittadini responsabili e attenti al valore del territorio e della comunità in cui vivono”.

Una giornata ricca di emozioni, quindi, per chi il Fermi l’ha vissuto e lo sta vivendo.