I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Grottaferrata, dalla Delibera 41 alla Delibera 43: quando il cemento è l’unica filosofia (di pochi) per il futuro di una comunità

GROTTAFERRATA (attualità) – Il permesso di costruire convenzionato di Andreotti crea polemiche: l’incapacità di progettare l’avvenire senza costruire

ilmamilio.it

Qualcuno sta pensando di giocarseli al lotto: 41 e 43, ambo secco sulla ruota di Roma. Le questioni urbanistiche continuano a dirigere il destino di Grottaferrata, centro già di per sé fortemente urbanizzato e di difficile gestione sul piano viario e infrastrutturale grazie ad una serie di scelte politiche che hanno determinato, almeno da trenta anni a questa parte, una trasformazione che ha ispirato una crisi della vita sociale nei quartieri (isolati) con tanto di svalutazione degli immobili (molti invenduti), dei comparti ambientali o dei parchi pubblici, ridotti come noto a spazi infrequentabili e abbandonati incastonati all'interno di veri e propri labirinti di cemento.

Mentre la Delibera 41 continua ad essere un ‘ordigno’ sospeso in seno alla città (si è in attesa dell’annunciato studio i cui termini di scadenza erano stati fissati al 31 gennaio 2018), anche la Delibera 43 sul ‘permesso di costruire convenzionato’ è entrata prepotentemente nelle discussioni più interessante della città. Ma mentre sulla 'D41' la Giunta Andreotti poteva appellarsi a ‘quelli che c’erano prima’, la 'D43' è tutta farina del sacco dell’attuale amministrazione (o quanto meno è stata lei ad approvarla).

Il ‘permesso di costruire convenzionato’, secondo i critici, aiuterà una veloce espansione edilizia senza il giusto sostentamento di servizi e infrastrutture adeguate, a totale beneficio dei costruttori. Tredici i progetti fino ad oggi conosciuti, la maggior parte dei quali dovrebbero insediarsi in località ‘Pratone’, ovvero la zona più complicata della città sul piano della viabilità e della densità abitativa. Sempre per i contestatori del piano, i titolari delle concessioni edilizie realizzeranno il minimo dovuto in termini di urbanizzazione e doneranno aree o spazi al Comune creando ulteriori costi sul bilancio comunale per la loro manutenzione. A tal proposito, per far comprendere di cosa si stia parlando, qualcuno, negli ambienti politici locali, ha tirato in ballo l'esempio del 'Parco Traiano', con la differenza (sostanziale) che sull’area dell’ex albergo che si affacciava sull'Abbazia di San Nilo neanche si è riusciti (in ben otto anni) ad ultimare i lavori. Fatto sta che ora i privati sono legittimamente pronti a far valere i propri diritti su Palazzo Consoli, con il rischio di una bomba economica (per l'Ente) senza precedenti a causa dei risarcimenti possibili e del quasi sicuro annullamento delle opere destinate (all'inizio) alla collettività. Su questo problema si è già aperto un altro capitolo, già annunciato dal sindaco Andreotti nell'ultimo consiglio comunale, di cui si parlerà prossimamente.

petra nov2017 1
Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Il Comune di Grottaferrata, grazie alla D43, incasserà gli oneri concessori, ma sarà difficile implementare tali risorse per la realizzazione dei servizi. Risultato: centinaia di residenti in più proprio sulla tormentata zona di 'Pratone'. Il consiglio comunale, intanto, è stato superato in termini di decisione politica perché l’atto è stato votato con un provvedimento di Giunta. I giustificazionisti affermano che si è fatto il possibile per limitare i danni e che si potrebbero superare le criticità attraverso un sistema di rigenerazione urbana che però, da quanto si è potuto comprendere, non è stato trattato o dibattuto nelle commissioni apposite. Fino a quando non interverrà con serietà l’intelligenza (se c’è) della politica al fine di salvaguardare interi settori della città, già massacrati, l’intera vicenda sarà solo occasione di dicerie, preoccupazioni, illazioni. Meglio iniziare ad agire, dunque.

Sta di fatto che le due Delibere, la 41 e la 43, restano quindi a macinare le coscienze e i dubbi della politica locale, facendo nascere persino una sorta di ‘derby’ tra la validità dei due atti, visto che la D41 prevedeva almeno la riduzione del 10% delle cubature ed il coinvolgimento della Commissione urbanistica per la parte procedurale.

Chi governerà – è la domanda che ci si pone - ogni processo? Grottaferrata subirà e basta? Chi risolverà le questioni incombenti di fronte a qualcosa come 100mila metri cubi di cemento in più? Per la Delibera 41 ‘Città al Governo’, ad esempio, fu protagonista di una petizione popolare che superò le mille firme tra i cittadini, facendo comprendere l’opposizione di una parte della società criptese a tali scelte. Ce ne vorranno altre mille sulla D43 per sviluppare un dibattito appropriato? E' l'ora della chiarezza. Su tutto.

Leggi anche:  Grottaferrata, deliberato il ‘permesso di costruire convenzionato'. Intanto torna il caso Cartabrutta?

Leggi anche:  Grottaferrata, i tredici progetti edilizi che porteranno altri 90mila metri cubi sulla città

bellezza salute 9aprile18

Commenti   

0 #4 cidarannoincambio 2018-04-16 11:17
"la e-bike"per ogni nuovo proprietario.
Per andare a lavoro !
A scuola anche ad Ariccia !
A fare acquisti e .......andare a votare di nuovo ...magari!
Se per ogni macchina che circola&parcheggia il suolo occupato equivale a quello occupato dalle 2/4 e-bike, il problema viabilità&sosta è risolto :lol:
Rimane quello dell'acqua :eek: ..., dell'aria...... :eek: ., delle fogne..... :eek:
e dove installate le centinaia di "defibrillatori" e far sostare le centinaia di volontari sanitari per gli interventi di urgenza :oops: :-x :sad:
Non siamo tutti coppi, bartali o sgarbozza!
Citazione
0 #3 PAZZA IDEA 2018-04-15 23:48
Chiedetevi quali siano gli illuminati interessi che portano a ipotizzare un aumento della residenzialità del 50%
Quanto vale il danno portato agli attuali residenti da questi illuminati pensatori che immaginano e disegnano PRG che non tengono conto delle dimensioni immutabili delle strade, della disponibilità non infinita delle acque, della presenza di servizi già oggi carenti. Ci si lamenta tanto dell' invasione degli immigrati, ma nulla si dice dell' invasione dei Comuni collinari da parte di Roma. L'AREA METROPOLITANA è stato l'ultimo bidone di una classe politica prezzolata che dietro la " complessità dei problemi e la necessità di risposte sovracomunali " nasconde un unico progetto : LA SVENDITA DEI TERRITORI PER INTERESSI PRIVATI !
I nomi dei RAIS locali sono noti !
Citazione
+1 #2 grottaferratamia 2018-04-15 15:34
in campagna elettorale si parlava dI rigenereare, ora si parla di cementificare...è stata tradita la principale promessa della campagna elettorale...credibilità politica pari a zero.
Citazione
0 #1 gliambientalistidi 2018-04-15 14:30
facciata a gtf hanno perso la faccia dopo averne perso le tracce.
L'ultimo sussulto è stato x il "PINO pericoloso"del corso.I
Oggi che si abbattono alberi&..... il tracciato è piatto!
Non ci rimane che di-"sperare" per un obiettore di coscienza contro i metriCubi INUTILI&DANNOSI!
Un'altra VANAsperanza? Sì se come dichiara un noto¬issimo architetto i proprietari di multiproprietà immobiliari e multiproprietà terriere sono di pochissimi residenti. Come sono i VUOTI costruiti di pochissimi NON residenti!
Con un PRG che pone come obiettivo i 35000 residenti a fronte degli attuali 21000, è chiaro tutti che di metriCubi questi "pochissimi" ne vogliono realizzare "moltissimi".
Questi pochissimi+il 4°grado riescono ad eleggere i sempre lì stess per le delibere 41, 43, 44, 45,...senza fine!
ff&gg uomo di mondo& gtf ogni proposito e ogni denuncia si scontra con gli interessi di pochi, tu lo dici, noi lo diciamo ...essi costruiscono!
Citazione

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna