I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Rocca di Papa, il sindaco: "La Corte dei Conti sta indagando sulle passate Amministrazioni"

lettera corteconti roccadipapaROCCA DI PAPA (politica) - "Chi oggi fa il salvatore della Patria è chi negli anni scorsi ha distrutto la nostra città"

ilmamilio.it - comunicato stampa

selasai 10anni

Dal sindaco Emanuele Crestini riceviamo e pubblichiamo.

"Alcuni esponenti della minoranza in Consiglio Comunale, appreso che la Procura della Consiglio Corte dei Conti ha in corso delle indagini su di loro, si sono messi paura. Le indagini riguardano infatti la allegra gestione dei soldi pubblici da parte della vecchia Amministrazione Boccia e coinvolgono alcuni suoi ex assessori. Il ministero dell’Economia e delle Finanze aveva già emesso un documento evidenziando molte irregolarità (incapacità di programmazione, crediti palesemente inesigibili o addirittura inesistenti, debiti fuori bilancio, illegittimi affidamenti diretti di lavori pubblici, appalti dichiarati illegali).

Questa è la vera questione che ha spinto alcuni pezzi della minoranza a votare contro l’amministrazione, che ha voluto queste indagini.

Quando la paura fa novanta i comportamenti si fanno scomposti e tutti cercano di salvarsi. E allora si tenta di nascondere le proprie colpe cercando di cambiare argomento, imbastendo polemiche ogni giorno, addossando ad altri le proprie responsabilità.

sfaccendati 9 aprile

bellezza salute 9aprile18

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da questi signori abbiamo ereditato un cumolo di macerie. Ora strillano in Consiglio Comunale che solo loro possono salvare Rocca. Una cosa veramente incredibile: quelli che hanno distrutto il nostro paese ora si autoassolvono e si candidano di nuovo alla guida della città.

Il vero motivo delle loro urla di contestazione è che stanno tentando così di salvarsi da responsabilità, non solo politiche, ma anche penali. Infatti la Procura sta facendo indagini su ciascuno di loro. E ciascuno di loro ha paura, paura che magari dovrà rifondere di tasca propria eventuali malversazioni, irregolarità o illegalità che portano le loro firme".

petra febb2018