I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Pestato a sangue nella notte di Pasqua, rintracciati e denunciati gli autori dell'aggressione

ALBANO LAZIALE (cronaca) - Vittima un ragazzo dei Castelli: i fatti avvenuti a piazza Venezia, a Roma. In azione la polizia

ilmamilio.it

Sono stati identificati dalla Polizia di Stato i 2 giovani che la notte tra Pasqua e Pasquetta hanno picchiato un coetaneo a piazza Venezia, nel centro di Roma.

La violenza si è consumata verso le 4 del mattino; la vittima, come racconterà agli investigatori del commissariato di Albano Laziale, aveva conosciuto una ragazza in un pub del centro ed all’esterno del locale aveva discusso con 2 coetanei che li infastidivano fuori dal locale. La coppia, proprio per evitare problemi, si allontanava verso piazza Venezia ma, poco dopo, incontravano nuovamente i 2 ragazzi che iniziavano ad insultare la donna. 

Il tentativo del ragazzo di difendere l’amica ha portato alla reazione violenta dei  2 che, prima sbattevano il giovane contro una vetrina, poi lo colpivano con calci e pugni quando era ormai a terra esanime. La vittima, che ha riportato la frattura dell’ulna e altri traumi gravi alla testa e al braccio, medicato al pronto soccorso di Albano Laziale, dove era arrivato dopo il vile pestaggio, ne avrà almeno per 30 giorni.

sfaccendati180330

 

 

 

 

 

 

 

I poliziotti del commissariato castellano hanno fornito tutti gli elementi ai colleghi del commissariato Trevi diretto dal vice questore Mauro Fabozzi che, dopo aver ascoltato la vittima, visionato varie immagini di videosorveglianze presenti in zona ed ascoltato alcune testimonianze, hanno individuato gli aggressori. Gli agenti, dopo due giorni di indagini, hanno rintracciato i due 24enni, entrambi romani, uno con precedenti penali per furto e l'altro incensurato, li hanno denunciati in stato di libertà per lesioni gravi, inoltrando le risultanze delle indagini alla Magistratura inquirente della Procura di Roma.

petra febb2018