I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Grottaferrata, per la Fiera ‘retrocessa’ è l’anno zero. Il declino sancito da un ‘mercatone’ noioso. Rinnovare è la parola d’ordine

GROTTAFERRATA (attualità) – L’esposizione non è più Nazionale, ma in verità la manifestazione soffre di una crisi strutturale da molti anni

ilmamilio.it 

La Fiera di Grottaferrata è finita ufficialmente in serie B. La voce che girava da tempo in città è stata confermata dal sindaco Luciano Andreotti. Il colpo di scena però è un altro. La retrocessione è accaduta da tempo, sin dalla Giunta di Gabriele Mori. E Mori non è più sindaco della città dal 2014. In tutti questi anni, tra due Commissari ed un’amministrazione, quella di Fontana, nessuno si è occupato di comunicare che l’esposizione era stata declassata. Perché? Durante la campagna elettorale l’argomento non è stato minimamente accennato e non è stato discusso. Improvvisamente, dopo la comparsa delle locandine della edizione numero 418, è stata svelata una verità che a questo punto ci si augura che nel prossimo consiglio comunale utile sia materia di confronto. Almeno per quattro o cinque anni volantini, manifesti, pubblicità e bandi pubblici hanno raccontato una Fiera che non c’era più e non aveva quella qualifica indicata. E’ normale?

Che la Fiera di Grottaferrata fosse in crisi era scritto da tempo. Stabile nelle visite (80-100mila) non ha più da anni quell’attrattività che potrebbe farle fare un salto di qualità. Negli anni si è trasformata lentamente in un ‘mercatone’ di materassi, enogastronomia confusa, giardinaggio, imbonitori e folletti senza una definizione, dispersiva, talvolta persino squallida sul piano della presentazione degli stand. In qualche edizione se n’è persino volata via con tutte le sue tensostrutture. L’Abbazia, poi, che culturalmente è il sito attorno al quale i primi pellegrinaggi mariani portavano con loro i venditori di merci, è stata addirittura emarginata dal contesto della manifestazione.

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

In questi anni se ne sono viste di ogni colore. Libri, musica, spazi per i giovani, convegni, iniziative per pochi intimi. Certe volte, fortunatamente rare, è stata una remissione. La verità è che il mondo è cambiato e venire a Grottaferrata per la Fiera non ha più il senso dell’identità specifica di una volta. Perché di esposizioni così, molto migliori di quella criptense, in Italia ne sono nate a iosa. Tematiche, specifiche, ben organizzate, con grandi investimenti, ospiti di richiamo.

Gradualmente la Fiera è stata letteralmente smantellata, persino del suo Ente che se ne occupava e cercava di dare un indirizzo alle scelte. La politica ha fatto il resto, con Giunte che hanno pensato a fare passerella il giorno dell’inaugurazione e basta, oppure a fare la gara dei numeri e delle presenze come se una manifestazione simile fosse un risultato elettorale o di propaganda. La Fiera resta, le amministrazioni passano. Questo dovrebbe il pensiero. Così non è stato. E se ne sono pagare le conseguenze. Amarissime.
Pai

Questo è ufficialmente l’anno zero. Ma la prospettiva un po' inquieta perché di anni zero, in passato, ne abbiamo visti altri. Per ritrovarci puntualmente, l‘anno dopo, la stessa Fiera, gli stessi stand, la stessa ‘miscellanea’ di offerte, l’anno dopo.

La Fiera è come il Natale. E’ il momento in cui le persone vengono per un rituale che si è tramandato nelle generazioni. Ma non c’è mai stato, almeno di recente, qualcuno di questi visitatori che abbia dato un giudizio. Semplicemente perché sapevano già cosa avrebbero trovato. Un appuntamento noioso come certe feste natalizie con gli stessi parenti che si ritrovano. Mai una piacevole sorpresa, mai un momento di rottura. Non sappiamo se quest’anno sarà così. Le prime polemiche, a parte il declassamento, sono già partite su posti auto, programma, scarsa pubblicità.

Così ci si accontenta per il momento ai ricordi della festa che se n’è andata coi vecchi tempi (leggi Grottaferrata, la bella foto di una Fiera che non tornerà più ) oppure con il ricordo dei pochi dibattiti in città sull’argomento (leggi La Fiera da risistemare: il dibattito a Grottaferrata). Tracce di dignità e di parole sensate, dentro ad un contesto che si è infilato in tunnel.

Che sia la volta buona per cambiare aria?


 

Commenti   

0 #5 #cavaliere nero 2018-03-21 17:57
Avete visto il fenomenale consigliere surrogato del M5S?
Ha delle idee sulla storia della Fiera? Lui o il suo gruppo di spessore hanno qualcosa da dire? Oppure il commento politico è l'appiattimento sull'amministrazione lucianina parentele comprese? Che pena!
Citazione
0 #4 chessssicccomeNOI 2018-03-21 13:12
anche NOI amiamo, dopo questa esortazione accorata dal burattino di Collodi. abbiamo pensato subito a Adinolfi il più fiero&ferreo oppositore di ogni gender&progender!
Cosa gli accadrebbe se leggesse il commento esortazione a fare l'amore, senza specifica, fatto un burattino .....mancavano solo i burattini, pinocchio, si contenga!
In quanto a censore è un compito elevato e concesso a pochi (antica Roma). Nei casi in questione non pertinente, in quanto NOI, commentiamo i 2 interventi dell'eletto 2017, uno sulla situazione incasso residui e l'altro sulla declassazione della fiera. Il censore patrimoniale&finanziario l'ha fatto l'eletto stesso, ma a posteriori di decenni lui&company! pinocchio NOI non abbiamo meriti!
Per finire in gloria e riscoglionandole "gli zebedèi" per la precisione.
Vuole commentare? non perda tempo a ControCommentare
:eek: :eek: un burattino che crede di avere le gonadi e che ci rumpiri i cabbasisi
Citazione
0 #3 chessssicccomeNOI 2018-03-20 20:38
non siamo tonti, abbiamo riconosciuto il naso !
Quale parte del commento non hai capito?
L'analogia indecente tra residui&fiera o la parte dedicata al moV5S?
chessssicccomeNOI abbiamo riconosciuto la mascherina con il naso di legno, abbiamo capito che quello che l'infastidisce è la parte dedicata al moV5S .....l'incubo dei sempre lì stess DX&SX&cinici
Citazione
0 #2 pinocchio 2018-03-20 08:33
chessssicccomeNOI ......... ma che [censored] stai a di fa la'amore che è meio e non ci scoglionare i zibidei
Citazione
0 #1 chessssicccomeNOI 2018-03-19 10:47
#nonsiamosereniMAI, chiediamo a ff&gg, da quando si può datare il declino?
Secondo te residui&fiera hanno lo stesso denominatore?
Secondo noi "i residui che NON scadono mai "sono serviti x l'effimero equilibrio di bilancio che non c'è più dal 2000, grazie a quillì de prima e all'ignavia de quillì di poi.
Secondo noi i problemi fiera&company sono parimenti datati, dal 2000 in poi, grazie a quillì de prima e all'ignavia de quillì di poi.
Per i residui da mantenere a bilancio viene richiesta la triplice verifica. Tra esse la verifica dei perché NON incassati prima e i "responsabili!"
Perché non farla anche per la fiera ?
Quante carriere&CV stanno naufragando con i FATTI&MISfatti verificati e denunciati.
Essere un vero grillino, NON è & sarà il sogno italiano. Di certo però la trasparenza&l'onestà che chiedono a tutti, è & sarà il vero incubo italiano!
Le bugie offendono, le verità fanno MALE!
Citazione

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna