I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Grottaferrata, Mari (PD): "Perché il Comune non sta trattando il caso Sprar?"

GROTTAFERRATA (attualità) - Il consigliere comunale: "La Commissione Servizi sociali ha evitato l'argomento"

ilmamilio.it - comunicato stampa del consigliere Mari

"Se a Grottaferrata c’è un tema che sembra non voglia essere in nessun modo trattato è proprio quello dello SPRAR.

Qualche giorno fa è giunta la comunicazione della convocazione della Commissione Servizi Sociali, che è stata fissata per il prossimo giovedì 15 alle ore 16, con una fitta elencazione di temi che saranno trattati, tra i quali il Reddito di Inclusione, il Testamento Biologico e il progetto sul Corso Badanti ma ancora nulla sul tema più caldo che è quello appunto dello SPRAR con la definizione delle modalità con il quale si intenderà accogliere i rifugiati in procinto di arrivare nella nostra cittadina a partire dal 1 luglio.

Siamo fermi alla famosa Delibera di Giunta n.47 risalente a novembre del 2017 dove venivano dettati gli indirizzi. Ad oggi sembrerebbe non essere stato dato seguito al deliberato, infatti non abbiamo notizie: di iniziative rivolte ai cittadini e associazioni affinché lo SPRAR sia percepito come valore aggiunto e parte del Welfare locale; della ricerca di soluzioni abitative diffuse volte a evitare la concentrazione in un’unica struttura; di procedure selettive per l’individuazione dei soggetti di coprogettazione e gestione del progetto; della definizione dei necessari protocolli d’intesa con l’Azienda Usl RM H, le scuole del territorio, i centri per l’impiego, le associazioni di volontariato interessate.


Pai

Detto ciò è anche scaduto il termine stabilito dalla delibera per la presentazione dei progetti che era fissato entro e non oltre il 10 marzo al fine di consentire la presentazione per il finanziamento entro il 31 marzo.

Probabilmente la volontà dell’amministrazione di differire il più possibile serve a nascondere le divergenze all’interno della maggioranza sulla volontà di accogliere i rifugiati, infatti in passato alcuni esponenti hanno manifestato pubblicamente l’essere favorevoli allo SPRAR ma per altri non abbiamo mai ricevuto segnali a tal riguardo. Certamente, se dovesse emergere una divisione sul tema possiamo ritenere conclusa definitivamente l’esperienza civica di questa amministrazione.

Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

 

Commenti   

-1 #2 grottaferratamia 2018-03-16 02:23
anche io mi chiedo come sia possibile che il consigliere Mari sia passato da Alleanza Nazionale al Partito Democratico...
l'esperto di salto in lungo grottaferratese viene bene in foto...
ps. che te ridi???
Citazione
-1 #1 forseperchéilcommiss 2018-03-13 15:53
ario ha risposto e disposto che Grottaferrata al decreto del Ministero dell'Interno?
Come sempre, se la domanda è banale, la risposta è banale anch'essa.
Quello che ancora rimane un mistero, è il "cul de sac" nel quale si sono trasferiti i cinici 2017.
Una strada piena di buche, non asfaltata, senza marciapiedi, senza alberi e...... senza uscita!
A cosa e a chi è servita la manfrina invernale sullo sprar. A niente e a nessuno, solo a fare brutte figure fuori e dentro le mura.
Se l'assessora avesse resistito&desistito a ben 4 comunicati, inutili e in contrasto tra loro, anche i Cittadini l'avrebbero apprezzato.
Dopo la denuncia all'eletto&delegati&opposizioni, di U. Crivellone e altri, i colpiti&affondati, provano a "RImarcare" il proprio territorio di caccia..... dei VOTI!
"gira la ruota, gira la ruota" dopo solo 9
mesi la ruota della fortuna, per "tutti" i cinici, ha già ripreso a girare
Citazione

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna