I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Lago Bracciano, il Comitato: "Ora si accenda un faro sulle responsabilità di Acea sulle dispersioni"

REGIONE LAZIO (politica) - Equi Diritti commenta la decisione di sospensione del prelievi dal bacino

ilmamilio.it - comunicato stampa

La Regione Lazio infatti intimato ad Acea, di sospendere i prelievi dal lago di Bracciano, a partire dal prossimo 28 Luglio. Il provvedimento, resosi necessario per salvaguardare l'ecosistema del bacino, è stato commentato nelle scorse dall'azienda, che ha definito "illegittimo" il provvedimento pubblico emanato e ha paventato disagi per oltre un milione e mezzo di cittadini romani.

Tali dichiarazioni, hanno trovato la durissima risposta del Comitato Equi Diritti. In una nota, il portavoce Marco Milani ha dichiarato; "'Ben vengano le azioni legali ma da parte di Sindaci e cittadini, nei  confronti di un gestore inadempiente agli obblighi di ammodernamento di una  rete idrica che, ricordiamolo, disperde oltre il 40% delle acque captate. Da oltre dieci anni, nonostante gli impressionanti utili, non un solo centesimo è stato investito da Acea, nel previsto obbligo contrattuale di ammodernamento della rete. Interi paesi ricchissimi d'acqua, si sono visti sottrarre le preziose risorse idriche ed I loro cittadini, nonostante bollette quasi triplicate, si sono visti privare con turnazioni illegittime del diritto ad un bene fondamentale come l'acqua".

"È il caso di ricordare ad Acea, come questi siano i reali "interessi dell'utenza" e di come doveva essere l'ecosistema di un bacino come Bracciano o il disagio dei cittadini, il prezzo da pagare per le pessime politiche gestionali ed affaristiche di una società per azioni. Equi Diritti, torna a sollecitare l'intervento di Sindaci e Prefetto su una vicenda che, per gli interessi in gioco, non può e non deve continuare ad essere lasciata, all'arbitrio di interessi economici privati, oltretutto intervenuti con lo strumento dell' " affidamento diretto",conclude.