I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, la segnalazione: “Viale Kennedy si deteriora. E’ stato asfaltato da poco"

GROTTAFERRATA -(attualità) – La strada dovrebbe essere oggetto di altri interventi nei prossimi giorni

ilmamilio.it 

palozzi banner3

In Viale Kennedy, in un punto da poco asfaltato, già presenta una grossa buca. Il fatto è stato segnalato dal Gruppo Facebook “Grottaferrata, terra di nessuno”. La zona sarà interessata nei prossimi giorni da un nuovo intervento, tuttavia l'anomalia è stata riscontrata e ha gettato dei dubbi sulla 'resistenza' dei materiali applicati sul manto stradale, frequentato da migliaia di auto ogni giorno. La città in questi giorni è protagonista di un investimento da mezzo milione di euro che ha già riqualificato Via Mettteotti e la zona di Via delle Sorgenti. Il progetto, come annunciato, coinvolgerà anche via Rocca di Papa, la stessa viale Kennedy, via Anagnina, largo XXV Aprile, via della Cipriana, viale I Maggio.

leodori1

Sempre sullo stesso gruppo si sottolinea un parere tecnico sui lavori di questi giorni: “Ritengo che l'inverno sia un periodo poco indicato, poiché il manto bituminoso che viene depositato aderisce tanto meglio a quello sottostante quanto maggiore è la temperatura di entrambi e del catrame che viene sparso come adesivo. In presenza di basse temperature dell'aria il fondo è freddo, il catrame si raffredda più velocemente e lo strato di asfalto nuovo pure, col risultato di una adesione scadente, che poi, in inverno, comporta infiltrazioni e creazione di sacche d'acqua tra i due strati. L'acqua, ghiacciando, si espande e causa il sollevarsi dello strato nuovo e le conseguenti buche”. “Siccome in molti hanno notato delle criticità in alcune zone da poco asfaltate, per esempio a viale Kennedy – prosegue la riflessione - sarebbe utile che ci fosse un monitoraggio da parte dei cittadini, magari segnalandole su questa pagina con foto allegate, per fare in modo che ciò possa essere riportate a chi di dovere”.

Una cosa è certa: un intervento sulle strade principali era ormai doveroso. Se questo sforzo, costato 500mila euro, si rivelerà infruttuoso sul piano pratico a causa delle particolarità tecniche sopra citate si rivelerà solo ad opera ultimata. Rifare le strade e renderle percorribili è però un dovere di manutenzione ordinaria di qualsiasi amministrazione, sia in termini di sicurezza e sia in termini di decoro.

Saranno i cittadini poi a giudicare il lavoro svolto. E’ indubbio, però, che lo stato di alcune strade non consiglia ad ulteriori rinvii.

 

agenzia servizi

Clicca per scoprire i servizi dell'Agenzia

 

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

 

 Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Pai