I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Elezioni 2018, l’appello per la ‘difesa dell’identità liberale’

ITALIA – In vista delle prossime consultazioni elettorali del 4 marzo: “Sgomento per la candidatura di nostri referenti con la Lega”

ilmamilio.it - comunicato stampa

palozzi banner2

“Noi liberali, iscritti al Partito Liberale Italiano, desideriamo esprimere il nostro forte disagio in merito alle decisioni prese dal partito in questa campagna elettorale fortemente condizionata dall'ennesima legge elettorale illiberale. Per onore di coerenza e per la passione verso gli ideali del Liberalismo, mai dimentichi del valore incorruttibile dell’intransigenza che ha da sempre contraddistinto i fautori della difesa e della promozione delle Libertà dell’uomo, non possiamo nascondere lo sgomento di fronte alla scelta di candidature di esponenti del PLI sotto la bandiera della Lega attraverso presumibili "accordi politici" o “intese elettorali”, la cui natura, le cui condizioni e i cui contenuti non sono stati nemmeno previamente deliberati dagli Organi collegiali previsti dallo Statuto.

 

agenzia servizi

Clicca per scoprire i servizi dell'Agenzia

 

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

Abbiamo a cuore il mantenimento dell’identità liberale del nostro partito, convinti che ciò debba avvenire anche quando si tratta di prendere decisioni, specialmente se si tratta di elezioni politiche, laddove i principi del Liberalismo debbono essere la condicio sine qua non affinché si decida un programma o un’alleanza elettorale. È, pertanto, opportuno ricordare la centralità del Manifesto Liberale di Oxford del 30 novembre 1997 – che al presente appello alleghiamo -, contenente l’Agenda liberale per il XXI secolo, al fine di “riflettere sulle risposte liberali alle sfide e alle occasioni che si presentano alla soglia di un nuovo millennio”. Siamo convinti che “l’unico partito di centro che si possa pensare”, per citare Benedetto Croce, tra i padri fondatori del Partito Liberale Italiano, ha senso solo se presente e attivo in quanto partito, ed in quanto partito né di sinistra né di destra.

 

Roma, 9 febbraio 2018

 

Massimiliano Giannocco (componente della Direzione nazionale del PLI)

 

Valeria Viara (Vice segretario provinciale di Roma del PLI)

 

Filippo Boretti (componente del Consiglio nazionale del PLI)

 

Giovanni Bellofiore (componente della Direzione regionale del Lazio del PLI)

 

Maria Silvia Gatto (componente del Consiglio nazionale del PLI)

 

Riccardo Dinucci (componente del Consiglio nazionale del PLI)

 

Margherita Frappa (componente della Direzione provinciale di Roma del PLI)

 

Francesco Ceccano (componente della Segreteria regionale del Lazio del PLI)”

 Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Pai

 

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna