I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, Papini e Barbera contro Mastrosanti: "Invece di pensare alle poltrone pensi ai cittadini"

FRASCATI (politica) - Una nota dei due esponenti di "Città protagoniste"

ilmamilio.it - comunicato stampa

Abbiamo appreso nei giorni scorsi dalla stampa locale che il Sindaco di Frascati Mastrosanti, a circa 7 mesi dal suo insediamento, abbia interrotto l'abituale riservo manifestando con un comunicato stampa contrarietà alla nomina del nuovo commissario dell'Irvit, l'ente regionale per le Ville Tuscolane, assegnato a un ex consigliere della maggioranza uscente della città.

È curioso registrare che il sindaco abbia voluto interrompere un riservo mediatico durato mesi soltanto per una polemica squisitamente politica, mentre ci sembra che sarebbe stato opportuno che ciò avvenisse invece anche per i problemi che stanno attanagliando la città, primi tra tutti l'aumento della Tari, demandando la comunicazione su questi temi all'Assessore al Bilancio, cosi come già avvenuto per la questione degli accertamenti delle tasse non pagate.

petra nov2017 1

agenzia servizi

 

 

 

 

 

 

Ricordiamo al Sindaco che la linea politica di un'Amministrazione è competenza del primo cittadino, e non riguarda solo le polemiche politiche sulle nomine altrui, ma innanzitutto i problemi della città, e per essere chiari, la linea politica con cui si vuole affrontarli. Le pur lodevoli spiegazioni dell'assessore al Bilancio, non possono sostituirsi ad una linea politica che compete esclusivamente al primo cittadino ed alla sua maggioranza.

Ci auguriamo che il Sindaco prenda in mano la situazione, ci metta la faccia e dica alla città come intende impostare nei prossimi mesi l'azione amministrativa sulle situazioni calde: il buco di bilancio dell'STS, la situazione patrimoniale, l'appalto per lo smaltimento dei rifiuti e non ultimi gli aumenti della TARI, che sono stati dichiarati illegittimi dal TAR.

Lo dichiarano Massimo Papini e Carlo Barbera, rispettivamente Coordinatore e Delegato Enti Locali di Città Protagoniste.

Pai