I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Monte Compatri: sito istituzionale e mail ko, è stato ilmamilio.it a mettere la pulce all'orecchio?

sito mcMONTE COMPATRI (attualità) - Una strana casualità: il sindaco D'Acuti ci accusa di non fare pubblicità alle iniziative culturali di Monte Compatri poi però avvisa che il portale ha problemi

ilmamilio.it

Sarà perché il sito istituzionale del Comune di Monte Compatri non funziona da giorni che da molti giorni la casella postale de ilmamilio.it (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) non riceve comunicazioni dal Comune di Monte Compatri?

Due giorni fa sulla pagina Facebook del Comune - sostituita secondo molti ai portali istituzionali, ma con gli evidenti evidentissimi limiti del caso - è apparso un avviso:

"Si comunica alla cittadinanza il nuovo indirizzo del sito istituzionale del Comune di Monte Compatri, area trasparenza, al link:
http://halleyweb.com/c058060/hh/index.php
Il cambio, temporaneo, si è reso necessario a causa del malfunzionamento del portale classico.

Si avvisano gli utenti che, a causa di questo guasto, si riscontrano problemi anche nella ricezione delle mail; per questo motivo, si consiglia di utilizzare le caselle di posta elettronica certificata (pec)".

Dunque, riallacciando un discorso fatto di recente.

Il sindaco Fabio D'Acuti con una nota di commento (Facebook) sparava fango (eufumismo) sulla nostra testata per aver trattato il caso dello sfregio (più volte condannato) alla targa di via Adolfo Croce, adducendo non si è ancora capito bene quale motivo per tanto veleno contro un articolo che denunciava in primis il gesto idiota ed in secondo luogo la discutibile (nei toni) bagarre social che ne era venuta sui social (LEGGI l'articolo del 16 luglio). Non si è capito tuttora quale fosse la recriminazione. Ma andiamo avanti.

Parimenti, il sindaco Fabio D'Acuti ci accusava di non aver relazionato di alcuni eventi culturali svolti a Monte Compatri. Salvo poi, nelle ore immediatamente succesive, comunicare su Facebook che il sito istituzionale e la casella mail avevano problemi.

Che quei problemi possano aver impedito all'ufficio propaganda di inviare i comunicati di presentazione e soprattutto di bilancio delle belle iniziative culturali tenutesi in Monte Compatri? Che, dunque, la nostra replica al sindaco (LEGGI l'articolo) abbia fatto scoprire il malfunzionamento del sito ufficiale? Di fatto, D'Acuti ha risposto al nostro articolo domenica 16 luglio, nel pomeriggio: la nostra replica è arrivata nella serata dello stesso giorno.

Fatalmente, il 17 luglio in tarda mattinata sulla pagina Facebook del Comune di Monte Compatri appare casualmente l'avviso di malfunzionamento del sito istituzionale e della relativa casella mail.

A quasi due giorni da quella comunicazione nulla è cambiato: il sito all'indirizzo ufficiale è ancora ko, chi vuole collegarsi al portale comunale deve leggere Facebook e da lì reindirizzarsi.

Insomma, dopo aver segnalato al sindaco D'Acuti che la comunicazione sulla lettera inviata all'Acea per il potenziamento del prelievo dal Pertuso era stata ampiamente tardiva (LEGGI l'articolo del 27 giugno), anche stavolta probabilmente abbiamo fatto un favore al sindaco ed al suo ufficio propaganda mettendo la pulce all'orecchio sul mancato arrivo delle mail dal Comune.

Invece di un grazie, per noi solo fango.