I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, il monito di Claudio Gori: "Pagare le tasse è obbligo, chi evade sarà perseguito. Non esistono parenti o amici"

FRASCATI (attualità) – L'assessore al Bilancio e vicesindaco traccia la linea: "Settore per settore individueremo i morosi e li porteremo a regolarizzare la proprie posizioni"

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Pagare le tasse è un obbligo morale e civile: applicare la legge, di contro, è un dovere per chi amministra una città”. Parole di Claudio Gori, vicesindaco ed assessore al Bilancio di Frascati, che interviene in un momento particolarmente caldo del dibattito cittadino e all’indomani delle proteste di alcuni commercianti che si sono visti arrivare avvisi di pagamento per le tasse, non versate, relative ai tendaggi esterni. “Non faremo favori né distinzioni: non esistono parenti o amici. Tutti devono pagare in relazione ai loro doveri, senza eccezioni. Il Comune di Frascati applicherà tutte le disposizioni previste dalla legge e dai regolamenti comunali”.

petra nov2017 1

agenzia servizi

 

 

 

 

 

 

Una linea, netta, che Claudio Gori vuole tracciare come strada maestra. “L’Amministrazione è intenzionata a rientrare di quanto dovuto perché tutti devono pagare: a chi si ostina a non versare quanto dovuto, saranno applicate le sanzioni e le ingiunzioni fiscali previste, fino al pignoramento dei beni. Lo dico chiaramente: non mi servono, non ci servono i voti di chi non paga le tasse”.

Una presa di posizione secca. “Siamo per la legalità in senso ampio e completo. L’indirizzo è questo: pagare tutti, pagare il giusto. Tra Tari, Cosap e canoni di locazione, nel solo centro storico le casse comunali devono avere oltre 300mila euro. Sono numeri importanti, ma prima di questo è fondamentale far passare il concetto che non possono esserci privilegi”. L’assessore va avanti: la parola d’ordine è stanare i morosi e costringerli a pagare. “Stiamo procedendo settore dopo settore, vogliamo andare a recuperare queste somme. La situazione del Comune d’altra parte, e non lo diciamo certo oggi, è critica e c’è molto da fare”.

PaiL’obiettivo è insomma quello di spingere forte in queste settimane per presentarsi poi all’importante scadenza di fine febbraio per l’approvazione del Bilancio di previsione con i conti un po’ più in ordine.

E tra i grandi morosi, assicurano da Palazzo Marconi, ci sono anche tanti nomi eccellenti. “Non ho alcuna intenzione di passare oltre: a Spoleto (dove come noto Claudio Gori è dirigente comunale , ndr), tanto per fare un esempio, abbiamo individuato un danese che aveva attivato un resort senza alcuna autorizzazione e lo abbiamo costretto a versare gli oltre 15mila euro di tasse che aveva accumulato nei 5 anni di attività. A Frascati la ratio sarà la medesima”.

Commenti   

0 #2 vittorio 2018-01-09 16:21
Difatti i buchi di bilancio li crea la STS.
Magari gli arretrati richiediamoli ai precedenti molteplici direttori e affini della STS.
Citazione
0 #1 filippo 2018-01-08 16:31
Dal sito del comune si puo notare che i pagamenti della TARI ( monnezza) e delle occupazioni di suolo pubblico (COSAP) , vengono incassati dalla STS e non dal Comune di Frascati.
Citazione