I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ardea, una dottoressa se ne va, in bilancio -450mila euro. L'assessore: "Diamo le farmacie ai privati"

ARDEA (attualità) - Difficoltà per le due strutture comunali di Nuova Florida e Tor San Lorenzo. Si cambia rotta

ilmamilio.it - comunicato stampa

A partire dalla prossima settimana la farmacia comunale di Tor San Lorenzo resterà chiusa. La farmacista, dipendente dell'amministrazione, ha dato le proprie dimissioni e dunque, in organico, resta solo una figura professionale che già ricopre l'incarico per quella di Nuova Florida.

magico natalePai

"Facciamo i migliori auguri alla dipendente che ha ritenuto opportuno avere un nuovo percorso professionale – ha spiegato l'assessore al Personale del Comune, Ugo Bonaccorso – Ringraziamo, oltre alla dottoressa Anna Lucia Garbuggio, anche l'altra farmacista rimasta in ruolo in Comune, la dottoressa Cristina Lepre: si sono sempre battute per fare in modo che venisse offerto un lavoro di qualità nonostante le esigue risorse messe in campo".

  • agenzia servizi

"Questo per noi è uno stimolo in più per velocizzare quanto già abbiamo tracciato per risollevare le due sedi farmaceutiche comunali. Infatti, rispetto a 800mila euro di ricavi che erano stati previsti dal commissario straordinario, in bilancio chiuderemo il 2017 con circa 350mila euro. La nostra scelta politica è stata molto semplice: abbiamo deciso che le due farmacie comunali di Nuova Florida e Tor San Lorenzo siano date in concessione a privati. L'obiettivo è quello di avere un ricavo per l'ente e di garantire un livello minimo di qualità di servizio, come con l'apertura nel servizio notturno e festivo. Stiamo seguendo un modello già operativo in diversi Comuni del Centro e del Nord Italia".

"I cittadini è giusto che abbiano un servizio completo, con una profonda rete che coinvolga il pubblico e il privato. E' un percorso virtuoso che dobbiamo seguire per evitare quei percorsi che sono stati tentati senza alcun successo, come l'asta degli anni scorsi, e che noi avevamo criticato perché levavano all'istituzione pubblica un elemento importante che lo stesso governo locale aveva però affossato negli anni".