I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, Mari sullo Sprar: “Favorevole, ma dubbi fino a quando non capiremo cosa vuole fare il Comune sulla gestione”

GROTTAFERRATA – Il consigliere PD: “Inspiegabile l’assenza di comunicazione”

ilmamilio.it

Una riflessione articolata, che da una parte appoggia la sostanza del provvedimento e la sua filosofia e che dall'altra pone interrogativi sulla gestione dello stesso. Il consigliere del Partito Democratico, Fabrizio Mari, torna sul caso più spinoso del momento, ovvero la Delibera 47 sul progetto Sprar e l'accoglienza ai 76 rifugiati dal 1° Luglio del 2018 a Grottaferrata

"Ho letto questa mattina l’articolo de ilmamilio.it che riferisce dell’inizio della raccolta firme da parte del Comitato No Sprar (leggi Grottaferrata, il Comitato ‘No Sprar’ parte con le firme per l’abolizione della delibera comunale. I primi punti di raccolta) per ottenere l’annullamento della delibera - scrive sulla sua pagina 'Diario del consigliere comunale" - da favorevole al progetto ritengo che se l’attuale amministrazione non avesse in qualche modo dato seguito all’adesione deliberata dal Commissario Prefettizio probabilmente oggi ci sarebbe stato il rischio di dover gestire situazioni ancora più complesse, tipo un CAS". "Rilevo comunque - prosegue - che c’è una certa preoccupazione da parte di molti cittadini circa l’arrivo prossimo di questi 76 rifugiati. Rispondo sempre a chi mi chiede informazioni che, secondo me, Grottaferrata sarà in grado di gestire tutto per il meglio poiché di fatto si tratterà di circa 25 famiglie che dislocate sul nostro territorio non avranno un impatto preoccupante" (leggi Grottaferrata, migranti: i nuclei familiari nella priorità dello Sprar. Ci sarà un Consiglio straordinario?).

petra nov2017 1
Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Mari però apre anche un capitolo sul singolare silenzio amministrativo in merito alla vicenda (gli unici a parlare ufficialmente sono stati l'Assessore Rocci e il consigliere Garavini, mai una presa di posizione di maggioranza - leggi Grottaferrata, solo la Rocci ha messo la faccia sul caso Sprar. E gli altri?): "Resta comunque la gravità, che ancora non so spiegarmi - incalza il consigliere - della totale mancanza di comunicazioni da parte della maggioranza circa una doverosa informazione alla cittadinanza prima di adottare un provvedimento di questa portata".

magico natale

Pai

 

Mari non risparmia poi una 'stoccatina' all'azione amministrativa promossa sul caso: "Avevo segnalato durante l’ultimo consiglio comunale che la commissione Servizi Sociali sembra essere caduta in un profondo letargo nonostante ci sono temi che potevano essere affrontati per fornire informazioni più puntuali alla cittadinanza, essendo le commissioni pubbliche. Da parte mia, ho cercato di approfondire il tema Sprar anche in relazione alle due proposte progettuali citate nella delibera n°47. In particolare, sembrerebbe che alla seconda di queste due proposte progettuali - rivela - non sia stata data particolare attenzione, infatti la dirigente del settore finanziario, nelle sue premesse, manifesta alcune considerazioni circa la necessità del preventivo reperimento di alloggi prima di qualsiasi altra attività propedeutica all’attuazione del progetto". Questo perché la relativa proposta di bando per gli alloggi, secondo Mari, offrirebbe un canone di locazione tra 400 e 600 euro e considerato il mercato immobiliare di Grottaferrata, il canone è troppo basso, quindi, in caso di bando deserto, poi, l’ente sarebbe costretto ad individuare un unico centro di accoglienza con "il serio rischio di aumentare l’emarginazione - afferma l'esponente Dem -. anziché attuare benefiche politiche di integrazione". 

agenzia servizi

Clicca per scoprire i servizi dell'Agenzia

"Nelle linee guida stabilite dalla delibera - incalza - non si cita quali azioni saranno prese in caso si manifesti questa eventualità ma si ribadisce invece l’accoglienza dei rifugiati in appartamenti oppure in strutture per massimo 10 persone.  Ribadisco il mio favore all’adesione al progetto Sprar ma ho dubbi, almeno fino a quando non si capirà cosa intende fare davvero l’amministrazione, sulla corretta gestione".

Un dibattito sempre vivo, che adesso trova nuovi argomenti di riflessione politica.

Clicca sull'immagine per scoprire il condominio Antares

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

 

Commenti   

0 #2 grottaferratamia 2017-12-16 02:28
il PD....eppur si muove finalmente!
finalmente l'ex simpatizzante di centrodestra Mari (ora centrosinistra) si pronuncia...
il discorso così scritto sembra più un "vorrei ma non posso"...
Citazione
0 #1 TOMTOMfatti& 2017-12-13 08:47
MISfatti, FOIA e fact checking ff&gg, nostro candidato, fermiamoci prima di essere annoverati tra i gufi e a s-parlare del FATTORE C.... a Gtf!
Questa riflessione si è manifestata con il "FATTORE C.." dell'Inter contro il Pordenone.
Noi e tu ff&gg, nostro candidato, non facciamo altro che sollevate le criticità e commentarle con sarcasmo, invece di restare ZITTI&ROSICARE!
Il MURO della trasparenza&conoscenza non è stato neppure pensato, figuriamoci se TUTTO quello che viene riportato con dovizia x i comuni limitrofi, a Gtf diventi motivo di confronto con i Cittadini!
A Gtf il FATTORE C... tiene i problemi fuori confine!
Hai voglia tu a elencarli, non ci sono !
Abbiamo voglia noi a commentarli, non rispondono!
Al massimo li strusciano sui social o inviandoVi una sorta di J' accuse! inconsapevole.
Il comitato e il pdRelle vogliono informazioni!
Gli diciamo come e cosa fare e loro fanno ricorso al FATTORE C... ="CINICI!
Citazione