I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

Asd Frascati nella bufera, ma non c'è davvero pace per il pallone tuscolano. Nicolanti se ne vuole andare e il FC Frascati attende...

nicolanti franco frascatiFRASCATI (calcio) - Nuovo ribaltone in quella che sembrava una società destinata a continuare la scalata a campionati più dignitosi dell'attuale serie B regionale, la Promozione

ilmamilio.it

Non c'è davvero pace per il calcio frascatano che si ritrova ancora una volta al punto di partenza. Sembrava, un paio di estati fa, l'occasione per la definitiva fumata bianca allorquando le due anime cittadine, la Lupa Frascati e la Gioc Cocciano erano convolate a giuste e faticose nozze dando vita all'Asd Frascati.

agenzia servizi

Ed invece il giocattolo sembra essersi nuovamente rotto. Se, infatti, l'arrivo dell'imprenditore Franco Nicolanti (nella foto in alto) nella stanza dei bottoni del rinnovato sodalizio giallorosso aveva fatto credere che fosse finalmente tornato il tempo per pensare in medio-grande stile, la verità è che tra l'imprenditore radiofonico romano (sua la laziale Radiosei) e la vecchia dirigenza frascatana - segnatamente i leader delle due società costituenti, Ernesto Mastrantonio ed Andea Mari - non sia mai stato amore a tutto tondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Tanto che nei giorni scosi lo stesso Nicolanti ha rilasciato parole di fuoco al ilmessaggero.it, confermandosi dimissionario e dichiarando senza mezzi termini che "gli hanno fatto passare la voglia". Questione, pare, di rimborsi, di debiti, di soldi insomma, con reciproci scambi di accuse ma comunque con l'evidenza che diversi tecnici delle giovanili giallorosse nelle scorse settimane hanno alzato i tacchi. Ed anche la prima squadra, autrice di un ottimo avvio di stagione, con la sconfitta di domenica scorsa a Sezze (4-0) ha confermato di essere sostanzialmente in crisi. Senza dimenticare che oggi da un paio di anni la massima squadra di calcio di Frascati milita nel modesto campionato regionale di Promozione, la serie B laziale.

A complicare maledettamente le cose, la comparsa ed il raffozzarsi sull'altra sponda del calcio cittadino di un Football Club Frascati che forte anche di una certa compiacenza da parte dell'Amministrazione comunale, pur potendo contare su numeri in assoluto esigui, attorno alla figura del direttore generale Claudio Laureti sta costruendo ed attrezzando una società alla quale in molti guardano con crescente interesse.

magico natalePai

 

Comunque vada, si tratta di una storia già vista e rivista a queste latitudini, figlia di un calcio cittadino che con le proprie gambe da anni almeo 15 anni non è in grado di andare non essendo in grado di esprimere realtà imprenditoriali capaci di sostenerne una sana e costante crescita.

Insomma: se qualcuno dei protagonisti delle alte sfere del pallone cittadino crede di essere originale, sbaglia di grosso. Di questi tira e molla, di questi travasi di tecnici e di questi chiari di luna se ne sono visti negli ultimi anni molti, moltissimi. Quel che è certo è che questa non è davvero la strada per andare in paradiso. Per nessuno.

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna