Calcio, Marino: Valentina Petrucci (DF Academy): “Per i Piccoli Amici anno di crescita nonostante il covid”

MARINO (calcio) - L’allenatrice, conosciuta da tutti come “Fiore”, ha portato avanti un lavoro egregio coinvolgendo innanzitutto umanamente i bambini

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

È stato un anno molto difficile per le società di calcio dilettantistiche italiane, a causa delle restrizioni per la pandemia che ne hanno rallentato e talvolta arrestato l’attività. La situazione non ha certamente risparmiato la DF Academy, ciò non toglie che in casa marinese non sono mancate le note positive. Una di queste è stata Valentina Petrucci, al primo anno alla Dreaming Football Academy, a cui è stato affidato il gruppo Piccoli Amici (2014 – 2015). L’allenatrice, conosciuta da tutti come “Fiore”, ha portato avanti un lavoro egregio coinvolgendo innanzitutto umanamente i bambini.

parcoUlivi pubb3 ilmamilio

“Mi sono immedesimata in loro – spiega Valentina Petrucci – cercando di capirne i bisogni, i desideri e le necessità. Ho ritenuto doveroso dare priorità alla mia figura di educatrice e poi a quella di tecnico. Ho trasmesso ai bambini la capacità di adattarsi alle restrizioni senza rinunciare al gioco, al divertimento e al gruppo squadra”.

Un impegno che è stato molto apprezzato dai genitori: “Ho avuto la fortuna di avere la collaborazione di gran parte di loro – sottolinea l’allenatrice – che hanno aderito ad ogni iniziativa, anche a quelle più bizzarre. L’aspetto umano è stato fondamentale in questo periodo storico, di cui si trascurano le conseguenze psicologiche che subiscono i bambini a causa di una normalità che non esiste più. Nel mio piccolo ho cercato di dare loro uno spazio settimanale in cui dar sfogo alla loro esuberanza e fantasia regalando momenti di assoluta gioia e spensieratezza, senza trascurare l’aspetto tecnico che, unito a quello ludico, ha fatto raggiungere ottimi risultati”.

Anche l’ambiente societario ha fatto la differenza: “La DF Academy mi ha permesso di esprimere al meglio le mie capacità, senza arrestare il mio entusiasmo – commenta “Fiore” – Ho trovato, inoltre, colleghi molto collaborativi che mi hanno subito accolta con rispetto. Sono grata alla società che ha riposto fiducia in me affidandomi quella che ritengo essere la categoria più difficile”.

Valentina Petrucci si è infine sbilanciata sul futuro: “Nel prosieguo dell’avventura vedo un percorso di crescita, il raggiungimento di nuovi obiettivi e una formazione sempre più ampia che possa farmi migliorare come tecnico ed educatore diventando una figura di riferimento per la società”.padel69 freeTime ilmamilio

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna