Covid Italia | Draghi: "I dati ci impongono massima cautela, ma ne usciremo"

Pubblicato: Venerdì, 12 Marzo 2021 - redazione attualità
 
 

FIUMICINO (attualità) - La visita del premier al centro vaccinale anti Covid dell’aeroporto di Fiumicino

ilmamilio.it

Il premier Mario Draghi visita il centro vaccinale anti Covid dell’aeroporto di Fiumicino. I dati sull'emergenza pandemia in Italia, spiega, "ci impongono massima cautela" ma "ne usciremo" grazie alla campagna vaccinale che, promette, "proseguirà con rinnovata intensità".

parcoUlivi pubb3 ilmamilio

sportage pronta consegna mamilio dicembre

"Questa è la mia prima visita in un sito vaccinale, è stata una visita breve ma veramente bella. Questi ragazzi che lavorano come volontari o in forma permanente - ha detto il premier - hanno reso questo che è un luogo medico un luogo di speranza, entrando qui si capisce che ne usciremo" attraverso "una mobilitazione collettiva fondata sulla solidarietà".

"A più di un anno dall’inizio dell’emergenza sanitaria - ha continuato Draghi -, ci troviamo davanti ad una nuova ondata di contagi, nell’ultima settimana si sono registrate più di 150.000 infezioni. Il numero dei pazienti in terapia intensiva è cresciuto di oltre 650 unità. Questi dati ci impongono cautela. Il ricordo della scorsa primavera è vivo, faremo di tutto per impedire che si ripeta. Abbiamo adottato misure restrittive adeguate e proporzionate con un decreto legge che vedrà il Parlamento coinvolto nella discussione. Le scelte - sottolinea quindi il presidente del Consiglio - sono state condivise più volte nella conferenza stato-regione, nello spirito di massima collaborazione".

padel69 freeTime ilmamilio

"A queste misure", continua Draghi, "si accompagna l’azione di governo a sostegno di famiglie e imprese e l’accelerazione della campagna vaccinale, che sola dà speranza di uscita dalla pandemia".

"Per venire incontro alle esigenze delle famiglie, abbiamo deciso, già nel decreto legge di oggi, di garantire il diritto al lavoro agile per chi ha figli in didattica a distanza o in quarantena. Per chi svolge attività che non consentono lo smart working, sarà riconosciuto l’accesso ai congedi parentali straordinari o al contributo baby-sitting", spiega.

tennis colline ilmamilio

Ma "pensiamo solo che con una vaccinazione diffusa potremo fare a meno di restrizioni come quelle che abbiamo dovuto adottare", ha quindi spiegato. Ad oggi, ha continuato il premier, "si vedono già i primi risultati di questa accelerazione" sui vaccini. "Solo nei primi undici giorni di marzo è stato somministrato quasi il 30% di tutte le vaccinazioni fatte fino all’inizio di questo mese: è il doppio della media dei due mesi precedenti. Il ritmo giornaliero attuale è di circa 170.000 somministrazioni al giorno. L’obiettivo è triplicarlo presto". E proprio "l’altro impegno che ho preso con i cittadini è quello di dare nuovo vigore alla campagna vaccinale".

(Immagine: frame da diretta video)

 

 

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna