Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Atletica | Il grande salto di Larissa Iapichino: 6,91 nel lungo e record. Battuta la leggenda Drechsler

 

Una prestazione che nemmeno la due volte campionessa olimpica Drechsler aveva afferrato alla stessa età
 
ilmamilio.it
 
 

 Larissa Iapichino salta un incredibile 6,91 nel lungo ed eguaglia il record italiano indoor di sua mamma, Fiona May, nel 1998 a Valencia. Nella prima giornata degli Assoluti indoor di Ancona, la saltatrice della Fiamme Gialle si appropria anche del record del mondo under 20 che apparteneva alla leggende tedesca Heike Drechsler con 6,88 dal 1983. 

A diciotto anni è una prestazione che nemmeno la due volte campionessa olimpica Drechsler aveva afferrato alla stessa età

Larissa è esplosa di gioia quando sul display sono comparse le tre cifre, realizzando un'impresa che rimarrà scolpita negli annali dell'atletica non solo italiana. E' corsa ad abbracciare il coach Gianni Cecconi e il papà Gianni Iapichino, in estasi come mamma Fiona May che ha esultato in tribuna. "Ancora non ho realizzato quello che ho fatto - ha commento la Iapichino -, lo farò con calma. Quando ho visto 6,91 mi sono detta che avevo saltato come mia mamma, poi ho realizzato il resto. E ora tutto mi sembra surreale, un sogno. E anche Tokyo lo è, portare a casa a 18 anni una misura standard per i Giochi non è una cosa da tutti i giorni. Spero di poter imparare dalle tante campionesse che affronterò . Prenderò Tokyo come un'esperienza, serviranno lavoro di testa ed esperienza. Aver battuto un record della Drechsler è una cosa che mi ha sconvolta, lei è stata una delle dee del salto in lungo, e mi è venuto un colpo. Sono molto emozionata".