Governo, Draghi al primo Cdm: "Uniti per mettere in sicurezza l'Italia"

ROMA (POLITICA) - Il premier ai ministri riuniti dopo il passaggio di consegne a Palazzo Chigi. 

ilmamiio.it

Il nuovo presidente del Consiglio ha giurato ieri al Colle leggendo la tradizionale formula di rito di fronte al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Subito dopo hanno iniziato a giurare anche i ministri. Nessuna stretta di mano, solo un saluto finale con gli auguri di rito.

parcoUlivi pubb3 ilmamilio

sportage pronta consegna mamilio dicembre

"Il nostro sarà un governo ambientalista, qualsiasi cosa faremo - a partire dalla creazione di posti di lavoro - deve andare incontro alla sensibilità ambientale e non andare a gravare la situazione" esistente - ha detto il nuovo premier -  "mi aspetto la massima collaborazione", perché una "missione" importante attende il governo, quella di "mettere in sicurezza il Paese". 

Nel Gruppo M5S al Senato resta la fibrillazione. Diversi senatori stanno confermando l'intenzione di non votare la fiducia al neonato governo.  A creare ulteriori tensioni questa mattina erano arrivate le dichiarazioni della senatrice Barbara Lezzi. "Non c'è il super-ministero che avrebbe dovuto prevedere la fusione tra il Ministero dello Sviluppo economico e il Ministero dell'Ambiente oggetto del quesito. E' evidente che, in assenza di riscontro, al fine di rispettare la maggioranza degli iscritti, il voto alla fiducia deve essere no".

padel69 freeTime ilmamilio

Alessandro Di Battista, dopo l'addio al M5s rincara la dose: "Oggi mi sembra di esser tornati indietro di 12 anni".

IL GOVERNO - 23 i ministri a comporre il nuovo esecutivo, 8 tecnici e 15 politici così ripartiti: 4 del M5S, 3 del Pd, 3 di Forza Italia, 3 della Lega, uno per Leu e uno per Italia Viva.

Per il M5S, Federico D'Incà torna ai Rapporti con il Parlamento e Luigi Di Maio viene confermato alla Farnesina. Mentre Stefano Patuanelli 'migra' dal Mise all'Agricoltura e Fabiana Dadone dalla pubblica amministrazione alle Politiche giovanili.

Comunita Tuscolana banner

Tre i ministri dem,  Lorenzo Guerini alla Difesa e Dario Franceschini alla Cultura (senza il Turismo). New entry Andrea Orlando, vicesegretario del Pd, come ministro del Lavoro. Tre anche i ministri Lega: Giancarlo Giorgetti allo Sviluppo Economico, Erika Stefani al ministero per le politiche della disabilità e Massimo Garavaglia al Turismo. Anche per Forza Italia  tre ministri: Renato Brunetta alla Pubblica Amministrazione, Mara Carfagna al Sud e Maria Stella Gelmini agli Affari regionali. Leu vede confermato Roberto Speranza alla Salute. Per Italia Viva torna al governo Elena Bonetti a Famiglia e Pari opportunità.

C'è poi la componente tecnica. il dicastero dell'Economia, che ha la regia del Recovery plan, viene affidato a Daniele Franco, fino a ieri direttore generale di Bankitalia. confermata Luciana Lamorgese, alla Giustizia Marta Cartabia, ai Trasporti Enrico Giovannini. Mantiene lo spacchettamento del Miur, voluto da Giuseppe Conte, affidando l'Istruzione a Patrizio Bianchi e l'Università a Cristina Messa. Alla Transizione ecologica, il ministero chiesto a gran voce da Grillo, Roberto Cingolani, mentre Vittorio Colao, altro nome che ha fatto parte della task force dell'esecutivo precedente che va all'Innovazione tecnologica.

tennis colline ilmamilio

 

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna