I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

Grottaferrata, i migranti saranno disposti in più strutture o appartamenti. CasaPound chiede revoca delibera

GROTTAFERRATA (attualità) – Ogni locale potrà ospitare massimo dieci persone. In città i primi mugugni

ilmamilio.it 

Dal 1° Luglio 2018 Grottaferrata ospiterà 76 migranti. La notizia è arrivata in città con la diffusione della delibera della Giunta Andreotti che, prendendo spunto dall’iter già avviato dal Commissario Prefettizio Barbato, ha sostanzialmente messo le basi per la prossima accoglienza. Il provvedimento era nell’aria, ma ora che ha trovato i crismi dell’ufficialità ha iniziato a far discutere. Sono già sorti i primi mugugni e si parla di iniziative e mobilitazioni varie per opporsi all’arrivo dei richiedenti asilo. La prima reazione politica è già arrivata da Casa Pound Grottaferrata.

tecnocasa2

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

"È assurdo - dichiara in una nota Yuri Spalletta, referente di CasaPound a Grottaferrata - che la nostra città si trovi costretta a farsi carico di altri 76 migranti, oltre a quelli che già bivaccano nelle nostre strade e che sono ospitati nelle strutture dei comuni vicini, in particolare di Mondo Migliore (Rocca di Papa ndr). Una situazione già problematica che non farà che aggravarsi e far sprofondare nel degrado la nostra città."

agenzia servizi

Clicca per scoprire i servizi dell'Agenzia

"L'amministrazione Andreotti - continua Spalletta - dimostra in questo modo di non tenere conto della volontà dei cittadini e della pubblica sicurezza. Nell'ultimo anno i grottaferratesi hanno espresso decisa contrarietà all'adesione del Comune al progetto Sprar, sin da quando il commissario ha dato inizio alla procedura con una delibera di febbraio 2017. Con la nuova amministrazione nulla è cambiato, e non è tollerabile che venga compiuta una scelta scellerata ai danni della città. Il Comune non dispone di risorse materiali e umane per poter provvedere alla gestione dei migranti e al contenimento dei problemi e dei disagi che si verranno inevitabilmente a creare in un contesto sociale così fortemente contrario a questo provvedimento."

Clicca sull'immagine per scoprire il condominio Antares

"CasaPound ribadisce la propria totale contrarietà all'adesione del progetto Sprar da parte del Comune. Chiediamo dunque al Sindaco di revocare la delibera immediatamente, nell'interesse di tutta la cittadinanza di Grottaferrata", conclude Spalletta.

I migranti, secondo la delibera saranno disposti in non più di dieci in varie strutture o appartementi sparsi per il territorio. Nel documento è specificato che dovranno essere in centri abitati e ben collegati.

Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

I servizi minimi garantiti ai rifugiati saranno l’accoglienza materiale e abitativa, l’assistenza a bambini e neonati, la mediazione linguistico-culturale, orientamento e accesso ai servizi del territorio, inserimento scolastico per i minori, formazione e riqualficazione professionale, orientamento al lavoro, tirocini formativi, borse lavoro, accompagnamento all’inserimento abitativo, sostegno socio-psicologico, assistenza legale.

In città già ci si divide. Tra chi solidarizza e chi non ha nessuna disposizione all’apertura: “Con tutti i problemi che ha questa città - ci scrive un lettore - dobbiamo pure accollarci questi mantenuti per far mangiare quattro associazioni del territorio? No Grazie”. Nei prossimi mesi il tema potrebbe diventare centrale nel dibattito locale. Le prime avvisaglie già ci sono.

 

 

 

Commenti   

0 #2 TOMTOMfatti& 2017-11-14 12:49
MISfatti, FOIA e fact checking :-) più coesione!
a ff&gg, nostro candidato, dobbiamo RI-prendere le misure. MAI e poi MAI commentare il suo pezzo appena pubblicato.
E poi 2 and better than 1 ;-).
A parte le scelte giornalistiche, quello che non vorremmo mai è un calo attentivo dai problemi concreti e giornalieri dei Cittadini di Grottaferrata.Cittadini ItalGrottaferratesi ai quali i DIRITTI non sono mai riconosciuti, ma "bontà loro" CONCESSI, ora dai dx ora dai sx e ora ... :-* che ci sono le elezioni.
SOLO PER LORO CONCESSIONE !
Pensare che i supremi local possano impegnarsi per i DIRITTI dei MIGRANTI è una contraddizione in termini.Curioso, nella lunghissima e cinica campagna elettorale, questo tema NON è MAI stato all'ordine del giorno dei candidati! :zzz
Che sia stata una scelta cinica :oops: ? opportunamente cinica :-x ? Sta di fatto che i DIRITTI non ci sono x nessuno !
Cinici se non ora quando ?
Citazione
0 #1 TOMTOMfatti& 2017-11-14 10:44
MISfatti, FOIA e fact checking si fanno cinici !
Un paesello che nel 2014 ha aderito come seconda cittadina con Aosta ( dichiarazione elettodx 2014 ) per la fraternità tra le persone ..andiamo a memoria, impegni e comportamenti !
Una situazione locale, al netto dei migranti,che ha centinaia e centinaia di situazioni critiche socio economiche ...senza solidarietà = diritti !
Una situazione disastrata nella coesione sociale alimentata dagli interessi particolari di pochi a scapito dei tanti!
Una situazione disastrata nei conti pubblici, una evasione dei tributi pari al 90% dell'accertato (2° c.c. 2017) potrebbe chiarire meglio chi è che mantiene e chi è mantenuto con le tasche dei Cittadini che pagano !
Per favore oggi, domani e dopodomani i problemi di sempre si aggravano per tutti, sollecitiamo "i sempre lì stess" ad affrontarli e avviarli a soluzione.Questi PROBLEMI non li hanno creati i migranti è robbbbbbbbbba a km ZERO !
Citazione

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna