Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

FOOD | Lesso alla Picchiapò: storia e ricetta

ROMA (food) - Esempio gustoso della cucina del riuso di una volta, il lesso alla picchiapò

ilmamilio.it - contenuto esclusivo 

La cucina tradizionale di ogni regione d’Italia è ricca di ricette povere, dettate dalla necessità di non sprecare nulla, di tirar fuori quanti più piatti possibili da un solo alimento.

parcoUlivi pubb3 ilmamilio

Il lesso alla picchiapò è un esempio romano di questo tipo di cucina che però sta pian piano lasciando il posto a piatti sempre più ricercati. 

Perché si chiama lesso? Va fatta innanzitutto una precisazione: lesso e bollito sono due cose diverse, vediamo perché.

Il lesso è una carne che è stata utilizzata per dare sapore al brodo, viene quindi immersa in acqua fredda con gli odori, per poter cedere pian piano tutto il suo contributo alla riuscita di un buon brodo.

Comunita Tuscolana banner

Il bollito invece è il processo inverso, immergiamo la carne nell’acqua che ha già preso il bollore in maniera tale da creare una “pellicola” protettiva che conserverà tutti i succhi e i nutrienti all’interno della carne.

Quindi il lesso ,che veniva usato per preparare il brodo, si trasforma in lesso alla picchiapò per necessità : una carne che risultava poco appetitosa veniva trasformata con pomodoro e cipolla in un piatto molto più invitante.

padel69 freeTime ilmamilio

Oggi questa ricetta è ormai caduta in disuso ma vi consiglio di provarla, sopratutto in questi giorni di freddo nei quali può riscaldarci un buon brodo.

LESSO ALLA PICCHIAPO’

  • Campanello di bovino ( taglio di carne adatto per il brodo)
  • Cipolla
  • Pomodori pelati
  • Uvetta 
  • Pinoli
  • Un pizzico di cacao amaro
  • Alloro

 maestre pie frascati ilmamilio

Prendi la carne che hai precedentemente usato per il brodo e tagliala in cubetti grossolani, fai sudare una cipolla tagliata a fettine in padella con olio e alloro, aggiungi poi dell’uvetta sultanina, i pinoli e la carne, fai rosolare e sfuma con il vino.

Quando il sentore alcolico sarà svanito aggiungi i pomodori pelati schiacciati e lascia bollire per almeno 40 minuti.

sportage pronta consegna mamilio dicembre

Quando vedrai che il sugo sta restringendo aggiungi un cucchiaio di cacao amaro (come si usa per la coda alla vaccinara ) e lascia restringere qualche altro minuto.

Il piatto è pronto, affetta il pane che sarà utile per la scarpetta!
colline201023 ilmamilio