I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Marino, la posizione dell’amministrazione comunale sull’arresto di Cuffaro

MARINO (cronaca) - “Accettare lezioni da alcuni che oggi tentano di speculare su una vicenda il cui esito non è ancora scritto, tra l’altro, per fatti che non riguardano l’attività svolta in questo comune è un comportamento che non sarà tollerato”

ilmamilio.it - comunicato stampa

“Abbiamo appreso dell’arresto del Dirigente Marco Cuffaro, operato su richiesta della Procura di Bari, per fatti (turbativa d’asta) inerenti il precedente incarico svolto nel Comune di Acquaviva delle Fonti. Il Dr. Cuffaro è stato nominato Dirigente presso il nostro comune circa un mese fa a seguito di bando pubblico ex art. 110 Tuel a cui hanno partecipato circa 35 richiedenti dimostrando – a giudizio della commissione – di avere i titoli e la preparazione migliore degli altri suoi colleghi.

L’applicazione della misura cautelare comporta – per la sua durata – la sospensione dalla retribuzione e l’attivazione del Decreto Sindacale che indica il Dirigente sostituto. Per quanto ci riguarda attenderemo, nel rispetto della norma, lo svolgersi della vicenda giudiziaria e reagiremo immediatamente nei confronti di chi ha pubblicamente diffamato questa amministrazione sperando nel sensazionalismo.

Giudicare un uomo “disonesto” perché colpito da una misura cautelare, affermare che questa amministrazione lo abbia scientemente scelto (alla faccia del bando pubblico) ipotizzando pressioni per ottenere le dimissioni del precedente Dirigente, non solo è frutto di una fantasia malata che travolge qualsiasi garanzia costituzionale ma colpisce tutta l’onorabilità della città di Marino.

Accettare lezioni da alcuni che oggi tentano di speculare su una vicenda il cui esito non è ancora scritto, tra l’altro, per fatti che non riguardano l’attività svolta in questo comune è un comportamento che non sarà tollerato”.

Così l’amministrazione comunale di Marino, in merito al caso Cuffaro.