I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Polisportiva Borghesiana (calcio, I cat.), Coppotelli: “Pronto anche a giocare nel mese di luglio”

ROMA - La Polisportiva Borghesiana lo aveva scelto per “chiudere” la propria porta. D’altronde Gianluca Coppotelli, estremo difensore classe 1997, è sceso per la prima volta quest’anno in Prima categoria: in precedenza solo esperienze in categorie superiori come quelle di San Cesareo (in serie D al debutto tra i grandi dopo aver vinto lo scudetto con la Juniores nazionale), Fonte Nuova (in Eccellenza), Montespaccato (vincendo un campionato di Promozione contro la Play Eur dell’attuale compagno di squadra Barile e poi giocando il massimo campionato regionale sempre col club capitolino) e infine Ostiantica (altri due tornei in Promozione).

“Ma scendere di categoria non mi è pesato affatto quando ho parlato col presidente-allenatore Enrico Gagliarducci e ne ho compreso gli ambiziosi programmi – dice Coppotelli – Sono arrivato a settembre e da subito ho notato come questo club sia strutturato già adesso per fare categorie superiori, come è chiaro leggendo anche i nomi presenti nell’attuale organico, decisamente sprecati per la Prima”. Il suo inserimento all’interno della Polisportiva Borghesiana è stato veloce: “Conoscevo già Sbraglia e Barile per averci giocato contro in passato, ma comunque tutti mi hanno accolto molto bene. C’è un bel clima per lavorare al meglio delle nostre possibilità, peccato che ci siamo dovuti fermare dopo appena tre giornate e dopo aver ottenuto un tris di vittorie”.

Coppotelli (immortalato nella foto maxcerveraphotography) parla anche delle tante voci che si susseguono sulla prosecuzione e conclusione dei campionati di quest’anno: “Da quello che ho capito, non ripartiremo con le gare ufficiali prima di gennaio o addirittura febbraio. Sarà uno stop particolare, ma ci dovremo far trovare pronti. E se l’unico modo per chiudere questi tornei sarà quello di giocare fino a luglio, io non avrò problemi: frequentando la facoltà di archeologia presso l’università di Roma Tre e dovendo preparare la tesi, in ogni caso non credo di poter andare in vacanza in quel periodo” conclude con un sorriso l’estremo difensore.