I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciambelle al mosto: la ricetta!

ALBANO (attualità) - Ogni forno si contende la ricetta migliore

ilmamilio.it - contenuto esclusivo 

Un abitante Doc dei castelli romani deve aver assaggiato almeno una volta in vita sua la ciambella al mosto.

Questo gustoso dolce in tempo di vendemmia (ovvero quello in cui siamo ora) è un po’ il “panettone” dei Castelli Romani, ogni forno si contende la ricetta migliore ma la cosa sulla quale tutti sono unanimemente in accordo è una: l’ingrediente principe di queste ciambelle è il mosto.

Cos’è il mosto? L’uva una volta raccolta viene pigiata e da li messa in fermentazione insieme al suo succo per almeno una settimana, quindi il mosto è questo succo d’uva non ancora fermentato e maturato,  mancante della parte alcolica.

acea3 ilmamilio

Il paese che detiene i natali di questa ricetta è Marino che ha ottenuto la denominazione comunale nel 2018.

Vedremo dalla ricetta che queste ciambelle possono essere simili ad un maritozzo (anch’esso tipico della nostra zona).

sportage agosto ilmamilio

Carta e penna ecco la ricetta: 

 

DOSE PER 4 CIAMBELLE:

 

250 ml mosto (se si desidera un gusto più marcato anche 300)

120 ml  di latte ( da bilanciare a seconda del mosto messo quindi 70 ml se si abbonda con il mosto )

1 tuorlo 

250 gr Farina Manitoba 

300 gr Farina 0’

6 gr Lievito di birra  

50 gr Burro 

Un pizzico di sale 

90 gr Uvetta sultanina 

Anice qb

Per la glassa 

Zucchero a velo 

Acqua

 

Sciogli il lievito nel latte, unisci la farina e mescolando unisci un po’ alla volta il mosto.

Lavora l’impasto per almeno 4 minuti a mano o in impastatrice ed aggiungi il burro morbido, il tuorlo, lo zucchero il pizzico di sale.

Lascia riposare l’impasto in frigo per una notte, la mattina seguente aggiungi l’anice e l’uvetta impastando fin quando tutto sarà incorporato.

Lascia riposare due ore per poi procedere con la divisione in 4 strisce che diventeranno le nostre ciambelle.

Inforna a 170 gradi in forno preriscaldato per almeno mezz’ora o fin quando vedrai le ciambelle diventare di color nocciola.

Appena sfornate ancora calde cospargile di glasse precedentemente preparata e fai attenzione che si freddino un po’ prima di addentarle veementemente!

 

zoccolotti 

 

 

staccoli

 

 

banner Mamilio 2

 vivace2020 ilmamilio

 

 

Rocca di Papa, Bonazzi (Gente Libera): "Calcagni sindaco garanzia di  cambiamento"

 

 

 

padel cup ilmamilio

Iscrizioni presso il TC Le Colline fino al 23/09/20 tel. 06 9408555

Commenti   

0 #1 Andrea 2020-09-25 17:19
In realtà la vera ricetta non prevede né burro né latte, quindi oltre ad essere più leggere anche al gusto, possono essere tranquillamente mangiate, previo controllo degli ingredienti utilizzati dal forno, da intolleranti o da chi ha scelto un'alimentazione priva di alimenti di origine animale. Da Marcello che sta sotto Marino ad esempio non ne contiene...
Citazione