I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Roma, durante una lite picchia il contendente e lo spinge nel Tevere: un arresto per tentato omicidio

 

Roma, autolavaggio centro di spaccio scoperto dai Carabinieri: 39enne in  manetteROMA (cronaca) – Fermato un senza fissa dimora

ilmamilio.it

La scorsa notte, i Carabinieri della Compagnia Roma San Pietro hanno arrestato un cittadino ungherese di 38 anni, incensurato e senza fissa dimora, con l’accusa di tentato omicidio.

L’uomo si trovava sulla banchina del fiume Tevere, nei pressi di Ponte Vittorio Emanuele II, lato Lungotevere dei Fiorentini, quando, per futili motivi e senza una ragione apparente, ha ingaggiato un’animata discussione con un 50enne originario di Pomezia, anch’egli nella Capitale senza fissa dimora.

La lite è degenerata e il cittadino ungherese, in un impeto di rabbia, ha sferrato calci e pugni al suo antagonista, poi, con un grosso ramo di un albero che aveva con sé, ha bersagliato il 50enne con numerosi colpi al torace e alla testa.

acea3 ilmamilio

sportage agosto ilmamilio

Non contento, l’aggressore ha spinto la vittima, temporaneamente stordita dai colpi ricevuti, nell’alveo del Tevere.

La scena, fortunatamente, è stata notata da un passante che ha contattato il “112”: i Carabinieri della Compagnia Roma San Pietro, intervenuti in forze, sono riusciti a distrarre il cittadino ungherese, facendolo desistere dal suo intento di inveire ancora sul contendente e consentendo al 50enne di raggiungere la banchina e mettersi in salvo.

Il ramo utilizzato dal 38enne è stato sequestrato mentre la vittima è stata trasportata, in prognosi riservata ma non in pericolo di vita, all’ospedale “Santo Spirito”, dove è tuttora ricoverata in osservazione e in attesa di ulteriori accertamenti.

L’arrestato si trova, ora, nel carcere di Regina Coeli.

 

 

banner Mamilio 2nuoto colline ilmamilio