I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Referendum | Diciamo ancora NO. Questa maggioranza non stravolgerà la Costituzione

referendum costituzionale ilmamilioROMA (politica) - Domenica e lunedì alle urne: la proposta del dimezzamento dei parlamentari è un falso problema

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Eravamo e restiamo fermamente per il NO.

NO al taglio dei parlamentari al referendum di domenica e lunedì perché, semplicemente, il problema è mal posto ed è un finto problema.

Una riforma, voluta dall'attuale maggioranza di Governo a guida 5 stelle, che tende a stravolgere l'assetto voluto dai padri costituenti: un assetto che ha individuato in quasi 1000 parlamentari, tra deputati e senatori, la rappresentatività di tutti i territori.

LEGGI Referendum | La casta diventa più forte e i territori si allontano: ecco perché diciamo NO

acea3 ilmamiliozoccolottitomasistaccoliborelli banner new ilmamilio

NO quindi alla riforma che va a toccare una Costituzione che in questi 75 anni ha più volte salvaguardato e salvato l'assetto democratico del nostro Paese.

Impegnata in questioni più urgenti, una maggioranza che su questo referendum rischia anche di lasciarci le penne ha mal posto il problema di fondo: quello della riforma elettorale.

calcagni banner roccadipapa ilmamiliobanner croce ilmamiliosportage agosto ilmamilioIl rischio principale è, come espresso, l'allontanamento ulteriore dei territori - soprattutto quelli di provincia - dalla possibilità di scegliere (nel bene e nel male) i propri rappresentanti. Quella che in questi anni è stata descritta come una casta, con la vittoria del sì uscirà ulteriormente rafforzata.

Questo è un problema mal posto, un falso problema.

casciotti donatella ilmamiliocoppola2 ilmamiliocetroni banner ilmamilio

E chi sostiene che il taglio dei parlamentari porterà ad un risparmio per le casse dello Stato, mente ancora. Se davvero l'obiettivo è quello del risparmio, sarebbe sufficiente rivedere dunque gli stipenti dei nostri parlamentari. Senza contare che il dimezzamento di senatori e deputati comporterà un aggravio di attività per chi siederà a Montecitorio ed a Palazzo Madama con un probabile autoinnalzamento - ulteriore - degli stipendi.

banner danilopatrignani1 albano ilmamiliobanner Mamilio 2Noi dunque, oltre alle numerose altre considerazioni che potrebbero essere presentate, eravamo e restiamo fermamente per il NO.

Si vota dalle ore 7 alle 23 di domenica 20 settembre e dalle ore 7 alle 15 di lunedì 21 settembre.

Per il referendum costituzionale NON è previsto il quorum: l'esito delle urne sarà dunque valido a prescindere dalla percentuale di votanti.

nuoto colline ilmamilio