I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

L'Italia di tiro con l'arco è campione del mondo. Nel fantastico trio anche il castellano David Pasqualucci

azzurri oro arcoGENZANO (tiro con l'arco) - La squadra azzurra, completata da Galiazzo e Nespoli si è imposta nella finalissima contro la Francia per 6-0 a Città del Messico

ilmamilio.it

C'è anche il 21enne castellano David Pasqualucci, nato a Frascati e residente a Genzano, nel fantastico trio di azzurri che nelle scorse ore si è laureato campione del Mondo nel tiro con l'arco. La squadra italiana, completata da Marco Galiazzo (già oro individuale ad Atene 2004 e a squadre a Londra 2012 e Mauro Nespoli, (già oro a squadre a Londra 2012) ha battuto nella finalissima per l'oro la Francia con un secco 6-0 che ha lasciato davvero poco spazio ai cugini transalpini.

L'Italia non vinceva il titolo iridato da ben 18 anni quando riuscì a conquistarlo nel 1999 a Riom, proprio in terra francese.

 

tecnocasa2

pasqualucci david"Marco Galiazzo, Mauro Nespoli e David Pasqualucci sono i nuovi campioni del mondo di tiro con l’arco", scrive il sito "ladeadellacaccia.it".

"Nella finale arco olimpico a squadre maschile di Città del Messico l’Italia batte la Francia di Thomas Chirault, Pierre Plihon e Jean Charles Valladont con un perentorio 6-0, senza sbavature e con tre successi in altrettanti set disputati: 54-50, 54-48 e 52-51. Per gli azzurri è il secondo titolo iridato della storia dopo quello del 1999 a Riom, e una rivincita rispetto ai Campionati Mondiali del 2015 quando la corsa dell’Italia si era fermata in finale contro la Corea del Sud regalando comunque un brillantissimo argento. Oggi in Messico la Nazionale di Wietse Van Alten con i tre portacolori dell’Aeronautica Militare in campo torna a far suonare l’inno di Mameli ad un Mondiale diciotto anni dopo l’ultima volta.

LA FINALE AZZURRA – Il trio di avieri azzurro parte decisamente meglio degli avversari, due 9 e un 10 per mettere pressione e un totale di 54 punti dopo sei frecce. Il ritmo fa subito tremare i transalpini e a cedere alla pressione è Thomas Cirault che piazza la prima freccia sul 6, un errore irrecuperabile e così l’Italia va sul 2-0 con il parziale di 54-50. La seconda volée ricalca a grandi linee la prima, Chirault sbaglia ancora tirando un 5 e un 7 e gli azzurri ne approfittano con il 54-48 che vale il 4-0.

Il vantaggio è considerevole ma la forza dell’Italia in questo Mondiale è quello di tenere sempre alta la concentrazione, un valore aggiunto che ha permesso agli azzurri di eliminare i maestri coreani nel loro percorso e che oggi gli permette di vincere la finale 6-0. L’ultimo set è più combattuto rispetto ai primi due ma il risultato non cambia: finisce 52-51 e l’Italia è campione del Mondo. La festa azzurra scatta subito dopo l’ultima freccia di Mauro Nespoli, quella che regala la vittoria, e continua sul podio dove a premiare i nuovi Campioni è il presidente FITARCO Mario Scarzella nelle vesti di vice presidente della World Archery. Un tuffo nel passato visto che alle Olimpiadi di Londra 2012 a mettere al collo l’oro a Marco Galiazzo, Michele Frangilli e Mauro Nespoli fu proprio il presidente Scarzella.

“Abbiamo controllato il match e gestito il risultato indipendentemente da come stavano tirando i francesi – dice David Pasqualucci, aviere di Genzano di Roma – Siamo riusciti a portare a casa il titolo iridato e ci siamo rifatti dopo l’argento di Copenaghen 2015”.

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura