Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Covid boom, 642 casi come il 23 maggio. Nuove chiusure in arrivo, alla faccia di stolti, analfabeti e negazionisti

ROMA (attualità) - A nulla sono valsi i tanti appelli delle scorse settimane: il trend è in evidente crescita

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Era dal 23 maggio che il dato nei nuovi contagi non toccava quota 642, ovvero il dato di oggi, 19 agosto.

3 mesi dopo siamo quasi da capo a 12 ma mentre a maggio, a 20 giorni dalla riapertura, il trend era in discesa, stavolta siamo in piena crescita.

E' bastato, com'era evidente, riaumentare il numero dei tamponi eseguiti (oggi dicono più di 70mila) per vedere il dato salire ancora dopo l'appartente flessione dei 3 giorni scorsi.

LEGGI Covid, Bollettino Italia: +642 nuovi positivi e 7 morti nelle ultime 24 ore

borellisportage agosto ilmamilio

Adesso appare evidente che, come accaduto il 16 agosto proprio ad epilogo di un deciso trend di crescita, ci si possano attendere ulteriori chiusure.

D'altra parte sono caduti nel vuoto per settimane gli appelli del Governo e del ministro Speranza oltre che delle autorità sanitarie e locali: niente da fare, la stupidità e l'indifferenza hanno prevalso.

staccolitomasibanner danilo

Era necessario chiudere il recinto prima che i buoi scappassero ma troppi recinti sono stati aperti, le concessioni e la limitazioni delle restrizioni sono state intese come uno "sciogliete le righe" - così come l'accesso indiscriminato a locali e discoteche e i viaggi all'estero - ed ora a risentirne saremo nuovamente TUTTI. Indistintamente.

E a nulla varranno le lacrime degli stolti, degli analfabeti funzionali e, il peggio del peggio, dei negazionisti. I negazionisti della demagogia politica ma anche quelli della virologia da prima pagina. Gli esperti che danno indicazioni e consigli, quelli che "il covid è finito".

Terapie intensive e ricoveri in aumento, età media dei nuovi contagi in ulteriore calo e nuove chiusura in arrivo. Prepariamoci. TUTTI.

zoccolotti