I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Marino, Minucci interviene sull’ultimo consiglio comunale e sul (suo) concetto di famiglia

Marino, Minucci si fa promotrice di una raccolta fondi per una ...MARINO (politica) - Vivo il dibattito sulla mozione presentata dalla destra in consiglio comunale sull'omotransfobia

ilmamilio.it - nota stampa

Pubblichiamo la nota del consigliere comunale di minoranza, Sabrina Minucci.

“Tra applausi e commozione si è celebrata anche a Marino la serata del pensiero “unico” e “politicamente corretto” alla fine di un consiglio comunale che, se compreso dalla maggioranza nei suoi atti dovrebbe essere solo un motivo di vergogna. Il Movimento 5 Stelle con l’esternalizzazione del servizio riscossione del Comune, tramite una convenzione con l’Agenzia delle entrate, fa una inversione a U rispetto a 4 anni fa quando decisero di recedere il servizio che era affidato a terzi.
Ieri hanno intrapreso la strada che pone (nel peggior momento economico che gli italiani stanno vivendo) i propri cittadini nelle mani dell’Agenzia delle Entrate.


Si poteva e doveva pensare una soluzione in house. In questo momento le riscossioni sono sospese, ma quando lo stato di emergenza finirà i cittadini oltre la perdita del lavoro dovranno sopportare questa ulteriore angheria.
Tutto si fa per l’Ente affinché il bilancio sia virtuoso.
La cosa strana è che chi ha seguito la diretta in streaming, del resto come i consiglieri del M5S presenti in aula, non si pone neanche il problema di tutto questo, è altresì pronta a levare gli scudi su di una mozione che vuole sostenere la battaglia che si sta tenendo in parlamento contro il ddl Zan, Scalfarotto, Boldrini sulla omotransfobia.

LEGGI ANCHE --> Marino, Gentile (MS5): “Mozione destra su legge omotransfobia è impresentabile”


Una legge frutto di un comitato ristretto che riesce a fare pressioni inspiegabilmente efficaci su una certa parte politica che è per definizione universalmente riconosciuta “buona, aperta, moderna, evoluta” in una parola settaria e di parte. Una legge frutto della teoria Gender, propagandata in tv fascia pomeridiana nello spazio dedicato agli studenti durante il periodo degli arresti domiciliari del Covid 19, attraverso le parole di ineffabili insegnanti che spiegavano come fosse essenziale tutelare la libertà di ciascuno e soprattutto dei bambini (4/5 anni) di scegliere il genere di appartenenza (maschio-femmina).

veleno frascati banner ilmamilio
NOI NON SIAMO D’ACCORDO!
Ebbene ribadisco qui di andarsi a leggere il testo del ddl e che noi ci opporremo a che una piccola setta (LGTB) metta il bavaglio ad un Popolo intero in materia di libertà di pensiero.
LA FAMIGLIA NON È UN REATO DI OPINIONE.
La famiglia per noi è valore fondante, vi piaccia o no, la famiglia è il nucleo in cui siamo cresciuti e che merita la maggiore tutela.
I toni patetici, il buonismo, i finti valori, la chiamata in causa dei diritti civili negati sono frutto di una narrazione telecomandata da lontano. L’ipocrisia di chi cita la filosofia di Atene e Roma è vergognosa ma del resto la natura dell’uomo si manifesta nei suoi atti concreti, anche quelli mancati.
Fino alla fine FAMIGLIA,
fino alla fine LIBERTÀ’,
fino alla fine ONESTÀ”.

sportage agosto ilmamilio