I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Tivoli, scuole: resoconto di un mese e mezzo di tavolo tecnico

Covid, Arcuri: "Test sierologici per la scuola disponibili il 10 ...TIVOLI (attualità) - Ecco gli spazi che il Comune mette a disposizione  per l’istituto comprensivo “Tivoli 1”

ilmamilio.it 

Si è conclusa la fase di ricognizione delle esigenze degli istituti scolastici tiburtini e d’individuazione degli spazi in cui riorganizzare le scuole che ne sono risultate bisognose, in vista della riapertura dell’anno scolastico 2020-2021 nel rispetto delle linee guida ministeriali anti Covid-19.

sportage3 ilmamilio

 Una fase di approfondimento e di concertazione con i dirigenti scolastici e con l’ufficio scolastico regionale che è incominciata il 29 giugno per scandagliare tutte le possibili soluzioni logistiche in grado di garantire agli alunni la ripresa delle attività didattiche negli spazi idonei alle loro esigenze, rispondenti al diritto allo studio e alla sicurezza sanitaria. Una task force scolastica che ha visto al lavoro insieme il Comune di Tivoli, gli istituti e i loro dirigenti.

veleno frascati banner ilmamilio

Proprio in queste ore i tecnici scolastici stanno eseguendo i sopralluoghi per valutare le proposte del Comune, che sono al vaglio anche della presidenza dell’ufficio scolastico regionale.

Ecco gli spazi che, al termine di questa prima fase, il Comune di Tivoli mette temporaneamente - e nelle more dell’individuazione di una sede definitiva - a disposizione dell’istituto comprensivo "Tivoli 1", in particolare per le aule relative al plesso “Sandro Pertini”:

quattro aule nella biblioteca “Maria Coccanari de’ Fornari” in piazza del Tempio d’Ercole, nel modo seguente: la sala conferenze (51 mq); il laboratorio multimediale (54 mq) e due spazi nella nuova ala (quella che dovrà ospitare l’archivio storico) di 45 mq ciascuno;

due aule all’interno del museo civico “Mauro Macera” in piazza Campitelli, così articolate: info-point (45 mq); sala conferenze (59 mq); un ulteriore spazio di circa 23 mq.

“Si sta concludendo una fase determinante per predisporre la riapertura delle scuole in sicurezza per tutti gli alunni del territorio”, spiega la vicesindaca e assessora ai Lavori pubblici Laura Di Giuseppe. “Ed è stato possibile grazie al lavoro sinergico portato avanti in queste settimane con i referenti del comparto scolastico tiburtino, degli uffici tecnici del Comune, dell’assessorato all’Istruzione pubblica, che io ringrazio. La scuola non si è fermata durante l’emergenza sanitaria e non è andata mai in ferie durante questa estate proprio per dare risposte appropriate agli alunni. Durante questo periodo di lavoro, inoltre, il ministero dell’Istruzione ha aggiornato ulteriormente le linee guida per la riapertura in sicurezza della scuola, costringendoci a eseguire nuove verifiche e a cercare nuove soluzioni. Ora ci auguriamo che gli spazi proposti dal Comune possano essere ritenuti idonei dai tecnici delle scuole. Nel frattempo sono state avviate le procedure per l’affidamento dell’esecuzione dei lavori finanziati con i fondi Pon (310mila per Tivoli) per gli interventi di edilizia leggera”.

RESOCONTO DEL TAVOLO TECNICO. Il primo incontro del tavolo tecnico sulla scuola si è tenuto il 29 giugno scorso a palazzo San Bernardino. Vi hanno partecipato i responsabili del sistema di protezione e prevenzione di tutti gli istituti comprensivi e il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Tivoli 2. In quell’occasione sono state analizzate le linee guida ministeriali sulla riapertura in sicurezza.

Il 6 luglio si è tenuto un incontro negli uffici del sindaco Giuseppe Proietti con la dirigenza dell’istituto comprensivo Tivoli 1, la professoressa Francesca Cerri, che ha rappresentato le criticità per il plesso “S. Pertini” (primaria) e per il plesso “E. Segrè” (secondaria di I grado).

Il 7 luglio si è tenuta la seconda riunione con tutti i dirigenti scolastici e i due responsabili del sistema di protezione dei cinque istituti comprensivi di Tivoli. Ciascun dirigente scolastico ha esposto la lista delle possibili sistemazioni e degli interventi da realizzare da parte del Comune. In questa occasione è stata fatta una prima quantificazione delle criticità. Successivamente, sono stati eseguiti i sopralluoghi congiunti nelle sedi degli istituti.

Un ulteriore incontro del tavolo tecnico con le dirigenze scolastiche si tenutosi il 24 luglio: vi hanno partecipato i rappresentanti dei circoli didattici 1, 2, 3 e 4.

A seguito di un ulteriore incontro con la dirigente scolastica dell’istituto comprensivo “Tivoli 1”, il 27 Luglio il Comune ha ricevuto la nota definitiva con le esigenze degli spazi da individuare per poter ospitare le classi che non si era riusciti a collocare nella sede di via Colsereno (che dopo la chiusura per inagibilità dell’edificio di via del Collegio ospita le classi della primaria del plesso “S.Pertini”).

Il 29 luglio c’è stato un ulteriore incontro con la dirigente del “Tivoli 1” e, infine, il tavolo tecnico di chiusura della fase di ricognizione, venerdì 31 luglio, in videoconferenza, al quale hanno partecipato, per il Comune di Tivoli: la vicesindaca Di Giuseppe, l’assessora alla Pubblica istruzione Cappelli, il dirigente dei Lavori pubblici, Tullio Lucci e il tecnico Roberto Baccante; per l’Ufficio scolastico regionale: Michela Corsi, Paola Mirti e Tiziana Giampaoletti; per il “Tivoli 1” la dirigente scolastica Francesca Cerri e il responsabile del servizio di prevenzione e protezione Marcello Presutti.

Intanto gli uffici per l’Istruzione pubblica sono a lavoro per riorganizzare il servizio mensa e il trasporto pubblico nel rispetto delle normative anti Covid, risultati che verranno comunicati nei prossimi giorni.

Per quanto riguarda, infine, i lavori di edilizia leggera da svolgere all’interno degli edifici degli altri istituti scolastici che non hanno avuto bisogno di ulteriori spazi, il Comune ha redatto le schede economiche, i progetti esecutivi e in queste ore si sta chiudendo l’affidamento alle ditte per i lavori, da portare a termine entro la metà di settembre.