I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Rocca di Papa, 'Una legge di Stato per il Monte Albano". L'invito del Comitato ad aderire all'appello

 

Rocca di Papa:“Una legge per riprenderci Monte Cavo”. Nasce il ...ROCCA DI PAPA (attualità) - L'iniziativa vuole mobilitare il territorio per tornare ad una autentica valorizzazione del sito archeologico

ilmamilio.it

La Civiltà Latina – che si è irradiata prima in Italia, poi nel Mediterraneo, in Europa e infine nel mondo - è nata sul Monte Albano, l’odierno Monte Cavo. E il Santuario federale dei Latini dedicato a Giove Laziale incarnò per sempre nel mondo antico, prima e dopo la dominazione romana, ciò che oggi la Basilica di San Pietro rappresenta per la cristianità.

Il Complesso del Monte Albano comprende la vetta di Monte Cavo con il Bosco Sacro sottostante e Alba Longa (la leggendaria città la cui memoria - come scoperto di recente - i Romani celebravano al Prato Fabio). La Via Sacra ancora esistente collegava pertanto i due monumenti tra i più insigni dell’antichità: Alba Longa e il Monte Albano.

veleno frascati banner ilmamilio

Ma, prima ancora che per i Latini, la natura sacrale e mitica di questi luoghi nasce e si stratifica nel corso di un millennio nel territorio appartenente agli Albani, al cui patrimonio leggendario si deve l’origine e la stratificazione dei miti di Alba e degli dei del Monte Albano.

Questo mondo, che domina il cuore della nostra regione, è stato ignorato e abbandonato alla vergognosa devastazione di questi ultimi decenni: uno scempio che ci è duramente rimproverato da ogni ambiente culturale e scientifico, a partire dalle università fino alle più accreditate istituzioni storico - archeologiche italiane ed estere. Si tratta di “uno scandalo di dimensioni europee”.

Negli ultimi 20 anni Il Comune di Rocca di Papa ha condotto da solo una durissima lotta legale contro gli impianti di trasmissione abusivi che ancora devastano il Monte Albano, ordinando la loro demolizione e, implicitamente, il ripristino dei luoghi com’erano in origine. Nonostante il Comune abbia ottenuto sentenze favorevoli in tutti i gradi di giudizio, i condannati continuano tranquillamente a trasmettere, mostrando un altezzoso disprezzo per la Legge, la Storia, l’archeologia e le straordinarie potenzialità turistiche dell’area.

Per liberare la montagna e le sue pendici dalle antenne, acquisire i terreni ancora di proprietà privata, finanziare gli scavi archeologici e rendere infine fruibile un sito di tale importanza, restituendo così a questi luoghi la loro altissima dignità storica, si fa dunque appello alle massime istanze istituzionali, a partire dall’Unione Europea e dal suo Parlamento, per arrivare in tempi rapidi all’approvazione di una Legge che riconoscendo l’importanza del sito - come avvenuto per Pompei - avochi allo Stato ogni competenza e finanzi tutte le attività sopra menzionate.

Il Comitato promotore di una Legge per il Monte Albano

sportage3 ilmamilio

 

INVITO AD ADERIRE ALL’APPELLO “UNA LEGGE PER IL MONTE ALBANO”

Per iniziare un cammino di sensibilizzazione sul problema (annoso e irrisolto) dello scempio di Monte Cavo e di ciò che esso rappresenta si è costituito il Comitato promotore di “Una Legge per Monte Albano”. Nell’ultimo mezzo secolo, purtroppo, il disastro provocato dalle emittenti radiotelevisive con i loro impianti abusivi ha continuato a peggiorare e, nonostante le recenti condanne definitive e inappellabili per via giudiziaria a tutte queste emittenti praticamente non si è ancora risolto nulla. Il Comitato si prefigge di mobilitare le migliori coscienze italiane ed europee per imprimere una svolta decisiva all’azione di salvezza e di riqualificazione del Monte Albano. Ci rivolgiamo quindi, prima di procedere a una raccolta di adesioni generalizzata, a quanti tra associazioni e istituzioni culturali, studiosi e divulgatori scientifici intendono unirsi a noi per rivendicare una Legge e porre fine a quello che ambienti culturali stranieri hanno definito “uno scandalo di dimensioni europee”.

Per aderire - con l’impegno di condividere e contribuire a diffondere le nostre ragioni e i nostri obiettivi - basta solo confermare il proprio assenso al seguente indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’elenco di coloro che, affiancando il Comitato Promotore, intendono aderire a questo appello e si associano alla richiesta di una Legge per il Monte Albano, verrà pubblicato sul sito dell’Osservatorio dei Colli Albani per l’Archeologia e l’Ambiente:

http://www.osservatoriocollialbani.it/2020/08/04/comitato-promotore-di-una-legge-per-il-monte-albano-appello/

Firmato:

Franco Arietti, archeologo

Carlo Cofini, storico

Rita Gatta, scrittrice

Carlo Guarinoni, economista

Maria Pia Santangeli, scrittrice