I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Scuola, nel Lazio previste due fasce di ingresso: 8.30 e 9.30. Le altre novità sui trasporti

ingressoscuolemamilioROMA (attualità) - Si mette a punto il nuovo anno scolastico

ilmamilio.it

A scuola si entrerà alle 8,30 e alle 9,30. Ingressi differenziati per gli uffici e revisione della capienza sui treni, che oggi è al 50%. Sono le linee guida per scuola e trasporto pubblico a settembre nel Lazio, deliberate dalla giunta regionale "in ottemperanza delle direttive governative in materia di contenimento del contagio da Covid".  

veleno frascati banner ilmamilio

A partire da settembre, precisa la Regione Lazio, "saranno applicate le misure per garantire la sicurezza di lavoratori e utenti del Trasporto pubblico locale".   I dettagli Le linee guida dispongono l'ottimizzazione "dell'orario degli spostamenti degli studenti in collaborazione con Assessorato alla Formazione Regionale e Ufficio Scolastico Regionale con l'individuazione di due fasce orarie di ingresso  (8.30 prima fascia - 9.30 seconda fascia) "che verranno distribuite tra scuole elementari, medie e gli istituti superiori. Inoltre per coordinare e differenziare gli orari di enti e aziende e un utilizzo coerente alle esigenze della mobilità dello smart working, la Regione "avvierà sin dalla fine del mese di agosto dei tavoli di confronto e coordinamento con i mobility manager degli enti locali e delle maggiori aziende laziali". Il servizio extraurbano Attraverso simulazioni la società Cotral S.p.A. stimerà il fabbisogno "del servizio extraurbano".

sportage3 ilmamilio

Per l’anno scolastico 2020-2021 ci sarà bisogno di un finanziamento di 10 milioni di euro che garantirebbe la copertura di circa 5 milioni di km in più.   I treni Saranno potenziate le corse delle linee dei pendolari come la Roma-Civita Castellana-Viterbo e sono previsti inoltre servizi sostitutivi su gomma pronti ad essere utilizzati in casi di sovraffollamento. Cambiamenti ci saranno anche sull'offerta ferroviaria con una revisione dell'attuale capienza ridotta al 50% e la nuova possibile offerta di posti in più sia a sedere sia in piedi.