Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Odori nauseabondi, intervento dI Astorre al Senato: “Attenzione per una vicenda che ha dell’incredibile a Colonna, San Cesareo, Monte Compatri, Rocca Priora”

 

COLONNA (attualità)  - La questione arriva nelle aule politiche nazionali

ilmamilio.it

Il senatore Bruno Astorre è intervenuto in aula al Senato sul tema degli odori nauseabondi nel territorio dei Castelli Romani.

“Porto all’attenzione dell’aula – ha detto l’esponente del PD - una vicenda che ha dell’incredibile in alcune cittadine della provincia di Roma, a pochi passi da qui, a Colonna, a San cesareo Campo Gillaro), Monte Compatri (Laghetto) e Rocca Priora, dove migliaia di cittadini stanno subendo odori nauseabondi che si sentono da svariati mesi. Sabato scorso i residenti sono di nuovo scesi in piazza con il Comitato Aria Pulita”, ha detto Astorre.

veleno frascati banner ilmamilio

“Un problema serio – ha ribadito - che a distanza di mesi, nonostante i numerosi esposti fatti anche dai Sindaci dei Comuni interessati, non ha ancora trovato soluzione. Ci sono difficoltà anche a individuare la causa, nonostante le campagne di rilevazioni che sta conducendo ARPA Lazio. Per questo ieri ho chiesto che il Ministero dell'Ambiente  intervenga quanto prima con una normativa nazionale per la rilevazione e il contrasto agli odori nauseabondi. Solo l'intervento sinergico tra legislatore, magistratura e forze dell'ordine potrà porre fine a questo calvario. Ed è necessario farlo in fretta, i cittadini non possono più aspettare”.

La vicenda dunque arriva nelle aule parlamentari, al fine di trovare una soluzione immediata per un territorio che ormai soffre da troppo tempo del problema.

GUARDA IL VIDEO DELL'INTERVENTO

 

 

 sportage3 ilmamilio