I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Roma: la Giunta regionale restituisce ai romani ‘Campo Testaccio’

ROMA (attualità) - Al via i lavori di recupero

ilmamilio.it 

Tra via Monte de’ Cocci e via Nicola Zabaglia, a due passi dalla Piramide Cestia e il Cimitero Acattolico di Roma, sorgono i resti dello storico Campo Testaccio. Finalmente, dopo oltre un decennio di abbandono, l’impianto sta per essere recuperato e restituito alla collettività.

Ieri la Giunta regionale, insieme al Municipio I di Roma, ha stretto un accordo istituzionale con l’ASP Asilo Savoia, un ente pubblico no-profit che da anni si impegna nel sociale. La Regione metterà in campo risorse finanziarie per circa 1 milione di euro, mentre l’Asilo Savoia si occuperà della realizzazione del nuovo impianto e della futura gestione. Se tutto andrà secondo i piani, il nuovo Campo Testaccio sarà un polo di inclusione sociale che coinvolgerà in primis gli abitanti del Rione, cui sarà garantito l’accesso gratuito e il pagamento di rette agevolate per le attività in programma.

brico ilmamilio

L’ASP ha anche intenzione di coinvolgere le associazioni sportive del territorio e le scuole, mettendo a disposizione il campo per allenamenti, partite, tornei giovanili e molto altro.

sportage pronta consegna

“Si tratta di una bellissima pagina per il Rione e per tutti i romani – ha commentato il presidente Zingaretti – e grazie a questa preziosa collaborazione istituzionale consentirà al Municipio I di restituire alla città una struttura storica e di grande pregio. Siamo molto orgogliosi per questo importante ritorno e la vocazione del nuovo campo sarà soprattutto di carattere sociale e di apertura alle realtà associative del territorio”.

Abbandonato e poi demolito negli anni ’40, l’impianto sportivo era già stato al centro di un progetto di recupero che non vide mai la luce, all’epoca c’era il sindaco Rutelli. Oggi, l’accordo raggiunto tra la Giunta e l’ASP potrebbe rappresentare una svolta ma, dopo anni di lavori iniziati e mai portati a termine, viene naturale aspettare che il progetto diventi concreto prima di esultare.

colline luglio tennis1 ilmamilio