I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

FOTO - Grottaferrata, il Comandante dei Carabinieri Nicola Ferrante va in pensione dopo 44 anni di servizio

 
  • ferrante festa grottaferrata ilmamilioGROTTAFERRATA (attualità) - Amici e colleghi alla cena allo Spuntino
     
    ilmamilio.it
     
    Grande emozione e qualche lacrima ieri sera per l'ultimo giorno di lavoro del "mitico" maresciallo (ora luogotenente) Nicola Ferrante, storico comandante della stazione carabinieri di Grottaferrata per circa 25 anni.
     
    Per festeggiare ed omaggiare il comandante Nicola, nato a San Ferdinando (Foggia), si è tenuta anche una cena a base dei prodotti tipici locali, sulla terrazza del noto ristorante "La Taverna dello Spuntino", alla presenza di alcuni amici di sempre, dei suoi colleghi più stretti, di alcuni magistrati di punta della procura veliterna, del vescovo di Albano, del sindaco e della famiglia Faroni, titolari della clinica Ini di Grottaferrata.
    E' intervenuto anche il tenente colonnello Giuseppe Iacoviello, che dirige un importante ufficio operazioni del comando generale dell'Arma, dopo essere stato anche comandante, come capitano e maggiore, dell'importante e prestigiosa compagnia dei carabinieri di Frascati per 5 anni. 
    brico ilmamilio
      Al fianco del comandante come sempre la sua amata e intraprendente moglie Emanuela, che insieme a sua sorella hanno preparato per l'occasione una buonissima torta (Charlotte) con la scritta "Grazie Comandante".
    Parole di grande apprezzamento sono state dette da tutti i presenti per l'ottimo lavoro fatto in questi 44 anni di lavoro ( si arruolò nel 1976) dal maresciallo Ferrante, in vari incarichi operativi, in molti uffici e reparti dell'Arma e poi a Frascati e Grottaferrata.
     
    "Un valido e integerrimo sottufficiale dell'Arma - ha detto il fotoreporter giornalista Luciano Sciurba, che conosce Ferrante da oltre 20 anni - un uomo presente sul territorio che ha condotto importanti operazioni giudiziarie contro la criminalità organizzata, ma anche in grado di essere un fratello maggiore, un padre amorevole e persona di grande buon senso e bontà, quando le situazioni lo richiedevano. Queste sue qualità gli valsero molti encomi di servizio e la nomina di Cavaliere della Repubblica".
     
    Alla cena in onore del comandante Ferrante, hanno preso parte i magistrati veliterni Giuseppe Travaglini, Giovanni Taglialatela, Luigi Paoletti ed Isabella De Angelis. Ai tavoli anche i vertici dell'Ini la storica clinica di Grottaferrata, Cristopher e Jessica Faroni, figli del grande medico centenario Delfo Faroni, ancora attivo oggi e fondatore della prestigiosa struttura ospedaliera di via Sant'Anna nota in tutto il mondo.
    Tra gli invitati il vescovo di Albano Laziale ed amministratore dell'Abbazia di San Nilo Marcello Semeraro, il senatore Bruno Astorre, il maresciallo Antonio Amico, ora investigatore privato,  l'imprenditore locale Andrea Di Cesare con la sua signora, il noto dottor Claudio Mucciaccio, più volte dirigente Asl Roma 6 e consorte, i colleghi della stazione, suoi stretti collaboratori, marescialli Luigi Di Gioia e Nicola Di Desidero, il direttore del mamilio.it Marco Caroni e altri amici stretti e con cui Nicola Ferrante ha condiviso i momenti belli della sua lunga carriera nell'Arma dei carabinieri che ora a 63 anni lascia per raggiunti limiti di età.
    "Altrimenti se avesse potuto, avrebbe continuato a lavorare ancora, ama tantissimo il suo lavoro e l'Arma che la parola basta lui non l'avrebbe mai detta", ha affermato il colonnello Giuseppe Iacoviello, che è stato il suo comandante per 5 anni dirigendo la compagnia di Frascati, di cui Grottaferrata fa parte.
     
     
     
     

    sportage pronta consegna