I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Castelgandolfo, Barbacci Ambrogi: “Salute e partecipazione democratica sono diritti inalienabili”

CASTEL GANDOLFO (attualità) - La protesta del consigliere comunale nei confronti del presidente del consiglio, Marta Toti

ilmamilio.it - nota stampa

Dal consigliere comunale con delega alle Politiche Sociali del Comune di Castel Gandolfo, Francesca Barbacci Ambrogi, riceviamo e pubblichiamo.

“In un momento delicato come questo, dove il nostro Paese con tanti sacrifici sta cercando di uscire da una situazione sanitaria che ha destabilizzato tutti durante gli scorsi mesi, le istituzioni hanno il compito di garantire la salute pubblica e soprattutto la tutela del benessere di ogni cittadina e cittadino, dal più piccolo al più grande. 

Come Amministrazione Comunale è una responsabilità e un dovere che, in questo periodo di emergenza, stiamo garantendo ad ogni livello, rimodulando la vita lavorativa all’interno dell’Ente, i servizi ai cittadini e le occasioni di socialità nella nostra città. 

Perché la sicurezza e il diritto alla salute vengono prima di tutto. Per noi, ma non per la nostra Presidente del consiglio, Marta Toti.

brico ilmamilio

Avvocato, donna e madre, Marta Toti ha calpestato in un solo colpo diritti fondamentali della nostra Costituzione e del nostro vivere civile. La mia era una richiesta plausibile, visto che la normativa lo prevede: effettuare il Consiglio Comunale relativo al bilancio (argomento fondamentale) in forma telematica.

Chiedevo soltanto questo al Presidente del Consiglio Marta Toti.

Quest'ultima durante la riunione dei capigruppo, alla quale ho delegato la consigliera Bruni, in quanto a soli 6 giorni dal parto mi trovavo impossibilitata ad andare, ha riferito che per democraticità il Consiglio si farà in presenza in quanto gli altri capigruppo hanno richiesto così. Senza possibilità di dialogo riferendo che "abbiamo partorito tutti".

sportage pronta consegna

Mi sento gravemente lesa del mio diritto di partecipare alla vita democratica del Consiglio Comunale in cui siedo, come delegata ai Servizi Sociali, e del diritto alla salute e alla maternità mio e della mia bambina, esponendola a soli 12 giorni ad eventuali rischi.

Da una donna ci si aspetta una solidarietà ben diversa. Lottiamo per la parità di salario, per la discriminazione e poi tra donne non capiamo le fragilità di una neo mamma durante il periodo covid?

Sì, perché neanche in ospedale abbiamo ricevuto visite, in quanto ad oggi ancora non sono permesse, ed anche a casa stiamo vivendo la quotidianità limitando i contatti con le persone al di fuori dei congiunti per garantire la massima protezione a me e alla bambina in questo delicato momento della nostra vita, come richiestoci anche dai medici.

La mia era una richiesta plausibile che con modalità non democratica, ne tanto meno egualitaria, la Presidente del Consiglio ha escluso a priori.

Con questo gesto la Presidente avv. Marta toti ha violato il diritto costituzionali della democrazia e della salute  ma soprattutto ha dimostrato che persona, che politico e che  donna sia".