I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

La senatrice Fattori: "Cisterna Valmontone: opera inutile e onerosa"

Il Medioevo in Parlamento”: il 19 aprile a Genzano la ...ROMA (POLITICA) - L'esponente del Gruppo Misto sull'opera
 
ilmamilio.it
 
Riceviamo e pubblichiamo:
 
"Tra le 130 opere ritenute “prioritarie” dal Governo dopo il Consiglio dei Ministri del 07/06/2020 in cui approdava il dl semplificazioni che è già al centro di molte polemiche, ci sarà anche la Cisterna Valmontone insieme alla Roma Latina.  L’opera è inutile e costosa per i cittadini che fanno da anni, attraverso comitati spontanei, proposte più sensate e sostenibili quali: 
 
1) L’efficientamento delle due arterie in termini di sicurezza;
2) La realizzazione di una metropolitana leggera che colleghi la capitale 
3) Il miglioramento dei collegamenti attraverso i mezzi pubblici e ferroviari
brico ilmamilio
 
Invece no! Seguendo la falsa riga di amministrazioni passate, il Governo ha deciso di inserire tra le grandi opere l’ulteriore scempio. 
 
Nella zona Pontina e dei Castelli Romani, fino a Valmontone, il martoriamento del territorio e le opere pubbliche miliardarie inefficienti sono all’ordine del giorno. Mi viene in mente l’Appia bis che doveva essere il miglioramento sommo della viabilità per un accesso anche più veloce all’ospedale dei Castelli Romani, altra opera discutibile, che invece ha sortito come risultato: allagamenti continui, il riempimento di una strada a doppia corsia con autovelox e, soprattutto, l’ennesima opera incompiuta: ambiente e territorio ringraziano. 
 
 
La Cisterna Valmontone e la Roma Latina sono state già fermate dalla Sentenza 05374/2018 del Consiglio di Stato che imponeva il rifacimento della gara, seguito da un’azione di sostanziale immobilismo dell’allora Ministro Toninelli che dava speranze ai comitati cittadini. 
 
Di nuovo invece vengono perseguite oggi altre logiche per un’opera, peraltro evidentemente commissariata, che tornerà in auge a suon di DPCM, dunque anche in forma non proprio democratica, e decreti di urgenza senza urgenza. Della messa in sicurezza, per esempio della Pontina, nessuno però ne parla. 
 
Questa confusione politica e amministrativa deve smettere e vanno ascoltati i cittadini che sono i migliori, da sempre, controllori del proprio territorio.
 
No alla Cisterna Valmontone!
 
Sen. Elena Fattori (Gruppo misto)
 

sportage pronta consegna

 

Commenti   

0 #1 Enrico Del Vescovo 2020-07-09 10:51
Concordo con la senatrice Fattori anche come rappresentante della sezione CASTELLI ROMANI di Italia Italia nostra.
Citazione