I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

STORIE - L'antipapa Benedetto X: il fascino di una figura controversa

Tuscolo conti aquila ilmamilioFRASCATI (storie) - Appartenente alla famiglia dei Conti di Tuscolo, una delle più potenti del medioevo

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

L'antipapa Benedetto X, al secolo Giovanni Mincio, proveniva dalla temuta famiglia dei Conti di Tuscolo. Il cardinale chiamato poi “Mincio” in modo dispregiativo venne eletto Papa nel conclave del 1058. Ma cos’è un antipapa? La Chiesa cattolica considera antipapa colui che sia stato eletto con procedimenti diversi dal diritto canonico e dunque da esso nonn rionosciuto.

Insomma un usurpatore dei poteri e delle prerogative uniche del Pontefice. Il primo antipapa fu Ippolito, un teologo e scrittore romano vissuto tra il II ed il III secolo.

brico ilmamilio

I Conti di Tuscolo erano una potente famiglia baronale di Roma che condizionò l'urbe, lo Stato Pontificio e le dinamiche interne alla Chiesa cattolica, anche attraverso il papato di famiglia. La loro influenza fu capillare tra il X e il XII secolo in diverse zone del Lazio attuale. Da loro famiglia salirono al soglio pontificio numerosi papi e... antipapi. Alla loro famiglia vengono attribuiti alcuni stemmi araldici ancora esistenti nell'abbazia di San Nilo a Grottaferrata.

Esponenti di questa famiglia sono ad esempio Papa Giovanni XII, Giovanni XIX, e altri.sportage pronta consegna

Un fenomeno storico e politico affascinante che riguarda figure avverse ma carismatiche, le quali si servono del potere spirituale per legittimare quello secolare e terreno. Tra le cause del declino della famiglia la battaglia di Prata Porci, dopo essersi schierata con l'imperatore che venne sconfitto.

Benedetto X fu eletto pontefice il 5 aprile del 1058 da una parte della nobiltà romana; ma il partito della riforma, capeggiato da Ildebrando di Soana (Papa gregorio VII) e da Pier Damiani, eletto il vescovo di Firenze, Gerardo, col nome di Niccolò II, lo costrinse a fuggire. Si arrese per non essere ucciso. Venne privato di ogni carisma nel clero, forse dal sinodo del Laterano1060 e morì confinato nella chiesa di S. Agnese a Roma nel 1074.

Fu così che si concluse in modo paradossale la sua parabola umana: morì proprio in un tempio sacro di quella Chiesa che con i suoi poteri aveva osteggiato e dissacrato.colline luglio tennis1 ilmamilio