Frascati, Lello Pagnozzi: "Ma quale stampella di Mastrosanti..."

Pubblicato: Giovedì, 25 Giugno 2020 - redazione politica

FRASCATI (politica) - Il consigliere di minoranza chiarisce

ilmamilio.it

Dal consigliere comunale Lello Pagnozzi (E ora Frascati) riceviamo e pubblichiamo.

"Egregio Direttore,

talvolta la sintesi giornalistica e la ricerca dell’effecacia nei titoli porta i lettori a farsi un’idea diversa dalla realtà. L’articolo di ieri sulla riunione del Consiglio comunale non sfugge a questa regola tanto che ho provato a chiamarla all’ora di cena, ma gli squilli non hanno avuto risposta né ho ricevuo chiamate finora. Le mando queste righe.

LEGGI Frascati - Il balletto intorno a Mastrosanti aggrappato alle "stampelle" e le "colpe degli uffici"

Non sono una stampella della maggioranza: ho una concezione talmente autonoma e personale della politica anche a livello locale, che faccio molta fatica a ritovarmi in logiche di pregiudiziali schieramenti o di contrapposizioni viscerali, entrambi privi di concreti riferimenti amministrativi.

sportage pronta consegna

Sono rimasto in Aula soltanto perché ero stato informato all’ultimo momento dall’interessato che avrebbe assicurato in ogni caso il  numero legale, rendendo così la mia presenza ininfluente.

Per intervenire e contestare le usuali affermazioni del sindaco, mi sono avvicinato al tavolo della presidenza dove mi è stato detto che potevo avere la parola oramai solo in dichiarazione di voto, cosa che ho appunto fatto e per correttezza formale ho partecipato a quella votazione, essendo - come già detto - il mio voto inutile per il numero legale.

brico ilmamilio

Sono troppi i mesi in cui ci dibattiamo in uno sterile e dispendioso braccio di ferro di origine personale che poco ha a che fare con gli interessi della città.

E il sindaco a giustificazione della insufficienza dell’azione Amministrativa tira sempre in ballo di volta in volta: chi c’era prima, chi ha amministrato finora Frascati; la slealtà di chi in consiglio è pronto a passare da una parte all’altra; l’ostruzionismo dell’opposizione; la inefficienza del personale dipendente; insomma colpa di tutti tranne che sua e della sua maggioranza (su questo con toni meno forti negli ultimi tempi e anche con qualche ammissione di errore).

Sul giudizio di chi c’era prima io concordo per molti aspetti, ben sapendo che in buona parte di quel prima l’attuale sindaco c’era e molti dei consiglieri, a partire da me, non c’erano.

Il giudizio su chi cambia casacca purtroppo è usato - magari non solo dal sindaco – come la famosa pelle e dopo quanto successo ieri sera il sindaco dovrebbe almeno abbassare i toni.

Infine vorrei sapere dal sindaco cosa dovrebbe fare l’opposizione  per soddisfare le sue attese: mantenergli il numero legale quando egli non è in grado di assicurarsi una maggioranza? Sottostare a tutte le imposizioni di date, orari, metodi di lavoro della maggioranza? Accettare a scatola chiusa senza nessuna possibilità di intervento, le decisioni e delibere imposte dalla maggioranza?

Se questa è la posizione del sindaco (comunque finora questo è stato il leitmotiv)  perché si lamenta se l’opposizione lascia l’aula? Dovrebbe essere contento se non altro per il risparmio di tempo! A meno che il problema non sia quello dell’incapacità di tenere insieme una maggioranza, dovendo ricorrere sempre ad aiuti esterni, e non ottenendoli, non si perita di colpevolizzare tutta la minoranza senza distinzione di posizioni, che possono essere diversificate non essendo l’espressione di un’unica concezione e cultura politica.

Per tornare al punto di partenza, come al gioco dell’oca che ben rappresenta le vicende del consiglio comunale, non ho l’abitudine di fare da stampella a qualcuno, essendo questa una funzione che non mi è mai appartenuta e non ho certo l’intenzione di iniziare ora".

colline luglio tennis1 ilmamilio


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna