I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

"Riportiamo a casa l'Erma bifronte di Ariccia": l'Archeoclub lancia la petizione

ARICCIA - L’Archeoclub Aricino Nemorense APS lancia la petizione online per riportare a casa l’Erma Bifronte rinvenuta ad Ariccia sulla Via Appia Antica nel 1998

ilmamilio.it - nota stampa

Una petizione online per riportare a casa l’Erma Bifronte rinvenuta ad Ariccia sulla Via Appia Antica nel 1998. Obiettivo dell’Associazione è riportare ad Ariccia la splendida erma bifronte in marmo (II sec. d.C.), rinvenuta fortuitamente nel 1998 nella valle, al XVI miglio della Via Appia Antica, promuovendo una petizione online indirizzata al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini; al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti; alla Soprintendente Sapab-Rm-Met Margherita Eichberg.

Il reperto presenta il particolare bifrontismo barbato/imberbe caratteristico nell’uomo doppio aricino (Virbio) e raffigura Herakles in due momenti diversi della vita: la giovinezza e la maturità. Dopo il suo rinvenimento, la doppia erma fu conservata per un breve periodo di tempo presso Palazzo Chigi in Ariccia e successivamente fu trasferita nel Museo delle Navi di Nemi, dove è attualmente conservata. Studiata e pubblicata per la prima volta con la monografia di Alberto Silvestri dal titolo Le Erme Bifronti di Aricia. Ippolito Virbio e i riti arcaici di iniziazione (Palombi Editori 2005), rappresenta una specifica identità culturale del territorio di Ariccia.

Nel tratto ariccino della via Appia Antica sono state infatti rinvenute nel corso del tempo numerose doppie erme, nessuna delle quali conservata in loco. Sarebbe auspicabile che l’erma tornasse nel luogo di provenienza per una giusta valorizzazione e fruizione da parte dei cittadini, dei visitatori e dei ragazzi in età scolare. Proprio di recente, tra l’altro, con il contributo della Città Metropolitana di Roma Capitale, l’Amministrazione Comunale ha acquistato la parte occidentale dell’area archeologica dell’Orto di Mezzo (estesa per un ettaro e mezzo) dove il prezioso reperto è stato rinvenuto. L’Archeoclub Aricino Nemorense Aps chiede ai cittadini, alle associazioni, agli esponenti della politica, ai giornalisti e alle personalità della cultura, di unirsi al suo appello e di sottoscrivere la petizione a favore del rientro ad Ariccia del reperto

https://www.change.org/p/dario-franceschini-riportiamo-a-casa-l-erma-bifronte-di-ariccia

Il Presidente e il Consiglio Direttivo di Archeoclub Aricino Nemorense APS


sportage pronta consegna

 

brico ilmamilio