I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, 'A Nicchia: "Mai vista una cosa così, purtroppo la crisi è vera: in tanti non riapriranno"

FRASCATI (attualità) - Il celebre barbiere e maratoneta guarda indietro: "Nel dopoguerra un boom di sviluppo, ora non mi aspetto nulla di tutto questo"

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

In 61 anni di attività dentro e davanti alla sua bottega Sergio Molinari 'A Nicchia di storie ne ha viste e soprattutto ne ha vissute. Ma una cosa così, giura, non l'ha mai vista.

"Purtroppo - dice l'esperto e celebre barbiere e maratoneta - vedo che c'è tanta gente che non si rende conto di quello che stiamo vivendo, sia sul piano sanitario che su quello economico. Vedo tanti che fanno finta di niente ed ignorano le disposizioni di sicurezza: speriamo bene".

Il coronavirus ha lasciato il segno.

gierreauto200513

"Purtroppo - dice l'84enne cittadino tuscolano - molte attività non riapriranno, molte saracinesche resteranno abbassate. Ne ho viste tante in questi decenni, è vero: ma credo che questa cosa sia diversa da tutto". Davanti alla sua bottega Frascati è crollata ed è rinata. Una storia lunga decenni che Sergio Molinari ha visto scorrere davanti ai suoi occhi.

LEGGI VIDEO & FOTO - Sergio Molinari 'A Nicchia sindaco per un giorno. "Amo Frascati. A zuzzi..."

Quindi ricorda il dopoguerra. "Sotto le bombe restarono 800 frascatani, la distruzione fu totale. Eppure, superari quei mesi ovunque - dice 'A Nicchia - c'erano cartelli di ricerca lavoro: operai, muratori, falegnami, fabbri. C'era un fermento incredibile per la ricostruzione, tutti si davano da fare. Un boom clamoroso. Mi chiedo oggi dopo questo disastro provocato dal virus cosa accadrà. Non penso che ci sarà una cosa come 75 anni fa, qui la crisi è profonda e tanti non se ne rendono ancora conto. Sono tempi di troppe spine senza rose", dice l'anziano podista tuscolano.

colline 200529