I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino, VIDEO-INTERVISTA a Guglielmo Abbondati (Europa Verde) e Dario Rose (Diritti in Comune).

rose abbondati ciampino ilmamilioCIAMPINO (politica) - Con i due esponenti politici per parlare di ripartenza, ambiente e sociale

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Abbiamo intervistato Guglielmo Abbondati esponente di Europa Verde e Dario Rose consigliere comunale a Ciampino con il gruppo Diritti in Comune.

I temi affrontati sono quelli della ripartenza e delle misure da adottare per mantenere i benefici ottenuti con il lockdown, le tematiche ambientali e quelle sociali, sulle quali l’emergenza ha messo in luce limiti e potenzialità.

 

In tema di “ripartenza” secondo Guglielmo Abbondati “innanzitutto il lockdown ci deve imporre di inventare un vocabolario nuovo, su come affrontare la quotidianità, su come affrontare i rapporti e su come riorganizzare i sistemi di vita e i sistemi sociali. Perché quello che ci ha detto il lockdown è che quel sistema che pensavamo essere la nostra quotidianità non regge più”.

Tra gli aspetti emersi questi mesi la più importante secondo Dario Rose è la sospensione del Patto di stabilità. “Il provvedimento è stato adottato a livello europeo per ridare un po’ di fiato alle finanze degli Stati Comunitari e dovrebbe diventare qualcosa di stabile”.gierreauto200513

Per quanto riguarda l’ambiente secondo il consigliere di Diritti in Comune le persone in questo periodo si sono riappropriate degli spazi che gli spetterebbero ed è necessario che i cittadini pretendano il verde, gli spazi liberi, le piazze e i parchi. “Dobbiamo prendere questi input e trasformarli in traiettorie politiche”, ha detto.

Vi sono evidenze scientifiche sulla riduzione di inquinanti in atmosfera” ha affermato Guglielmo Abbondati sul tema dell’ambiente “secondo uno studio recentissimo, nella Pianura Padana il lockdown ha portato un decremento del 35% di biossido di azoto, uno degli inquinanti maggiormente responsabili delle morti per inquinamento, pari a circa 80 mila in Italia all’anno. Dato che non fa notizia quanto invece la pandemia”.

Passando ai temi sociali secondo Abbondati la pandemia è stata una lente di ingrandimento su quelli che erano i malesseri dell’organizzazione sociale ed economica della nostra società. “Un rapporto del Prof. Barca sulle disparità sociali afferma che un quinto della popolazione italiana, 10 milioni di persone, dopo tre mesi di assenza di reddito non sono in grado di andare avanti. Lo sapevamo già prima. C’è una disparità sociale ed economica nel nostro Paese e in tutto l’occidente che è micidiale e insostenibile”.

Un altro punto dolente è il sistema sanitario e socio sanitario che va completamente riformulato partendo dal territorio secondo l’esponente di Europa Verde, che ha detto: “molte persone sono morte in casa o non hanno avuto risposte adeguate e abbiamo intasato il sistema ospedaliero. Questo modo di organizzare la sanità non ha retto, per non parlare degli anziani, relegati nelle RSA, le Residenze assistenziali sanitarie che hanno mostrato tutti i loro limiti”.todis montecompatri banner ilmamilio

Per quanto riguarda il Comune di Ciampino Dario Rose ha ricordato che Diritti in Comune si è fatta promotrice di una istanza, poi sottoscritta anche dalle altre forze di opposizione, per un appello da lanciare ai Sindaci del Distretto socio-sanitario di Ciampino e Marino, il Distretto H3, per attivare appena possibile un tavolo che veda i professionisti del settore sanitario e professionisti del settore sociale riuniti per tirare le somme e stabilire cosa in questa fase ha funzionato e cosa no. A tal riguardo è stata mandata una lettera alla Sindaca Ballico, cui non è stata ancora ricevuta risposta. “Senz’altro non c’è stata una rete di raccordo tra medici di base, strutture apicali del Distretto socio-sanitario, croce rossa e protezione civile e associazioni del terzo settore. Il tempo stringe ed è importante intervenire perché qualora dovesse esserci una ripresa del virus in autunno dobbiamo trovarci pronti a livello territoriale”.colline 200529