I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino: il documento che sconfessa la Ballico. A "Progetto Comune" (più Notargiacomo) la Giunta stava bene così com'era

CIAMPINO (politica) - Dai "critici" nessuna richiesta: perché allora la sindaca ha azzerato l'Esecutivo?

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

C’è un documento, datato 27 maggio 2020, al numero 21484 del protocollo generale del Comune di Ciampino che getta una nuova luce sui recenti avvenimenti politici cittadini e, di fatto, cambia il paradigma attorno al quale la sindaca Ballico ha nelle scorse ore azzerato la Giunta. Ritirando, dopo essersele fatte riconsegnare dagli altri (fatto curioso), le deleghe agli assessori Muzi e Grasso.

Il documento, firmato dai 5 consiglieri del gruppo “Progetto Comune” (Roberto Mantua, Gianni Castellani, Francesco Lanzi, Antonella Ricciardi e Stefano Grossi) e dal consigliere di Fratelli d’Italia Alessio Notargiacomo, sconfessa quanto sostenuto dalla sindaca anche ieri nel video diffuso all’ora di cena.

gierreauto200513

In relazione ai recenti temi politici avvenuti nell’attuale maggioranza, visto il breve periodo di amministrazione, visto l’impegno che ogni assessore sta portando avanti per le proprie competenze, visto l’impegno della maggioranza nei confronti dei cittadini amministrare al meglio il Comune di Ciampino, si rende opportuno e doveroso proseguire l’attività amministrativa in essere, non modificando la componente esecutiva di questa maggioranza”, è scritto sul breve documento protocollato l'altro ieri. Vale a dire poco più di 24 ore prima dell'azzeramento della Giunta.

Ordunque: nessuna richiesta da parte dei 6 consiglieri (e di quelli di “Progetto Comune” in particolare), quanto – di contro – l’accettazione della composizione attuale della Giunta comunale. Ivi compreso, quindi, quell’assessore Folco Cappello che – di fatto – sarebbe diventato l’assessore di riferimento di un gruppo “allargato” che conta più di un terzo della maggioranza della Ballico.

Dunque: quali le vere motivazioni che hanno portato la sindaca ad azzerare la Giunta? Perché addossare la responsabilità di questo passaggio a “Progetto Comune” quando il documento in questione parla molto chiaro? Quali interesse ha avuto la Ballico a scardinare un Esecutivo nato meno di 11 mesi fa?

colline 200529todis montecompatri banner ilmamilio