I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Monte Porzio Catone, Ripartiamo dai Beni Comuni sull’affaire Riccardi: “Un maggioranza inzeppata di voltagabbana”

MONTE PORZIO CATONE (politica) - Ripartiamo dai Beni Comuni torna sul passaggio di Riccardi in maggioranza 

ilmamilio.it - nota stampa 

Da Ripartiamo dai Beni Comuni riceviamo e pubblichiamo.

“Vicinanza, appoggio e massima fiducia, in questo momento drammatico, al sindaco Massimo Pulcini”. Questo il messaggio riferito alla particolare situazione emergenziale del consigliere comunale del Movimento 5 Stelle (M5S), Giordano Riccardi, 27 anni.

Una dichiarazione anticipatrice delle reali intenzioni del Capogruppo, unico pseudo-rappresentante, del Movimento 5 Stelle, cioè di uscire dal movimento per andare a consolidare la maggioranza di centro destra. Hai visto mai che invece qualche defezione possa in futuro indebolirla...

E pensare che proprio il M5S avrebbe dovuto incarnare  appieno l’idea di un modello che assicura ai cittadini  la consultazione e la partecipazione alla vita democratica del Paese.

todis montecompatri banner ilmamilio

Il passaggio da uno schieramento ad un altro è difeso dalla Costituzione, che vieta il "vincolo di mandato" (articolo 67). Ultimamente, a volte  si parla ipocritamente di "scouting" (andare alla ricerca di nuovi "talenti" da ingaggiare), pratica più volte denunciata dal Movimento 5 Stelle con la quale a livello locale si trova ora a fare i conti.

Il fenomeno del trasformismo purtroppo è una pratica che non è mai tramontata, specialità della politica italiana e che, a scadenze più o meno regolari, trova nuove forme ed espressioni anche nei piccoli centri.

gierreauto200513

Il gruppo Ripartiamo dai Beni Comuni stigmatizza con fermezza questo tipo di comportamenti che porta  ad uno sconvolgimento del risultato elettorale con il ripudio della volontà degli elettori (916 , che avevano creduto nei programmi del movimento 5 stelle) e ad un assottigliamento delle minoranze, in un  momento in cui sarebbe necessaria una doverosa azione di controllo e stimolo verso una amministrazione priva di idee e lontana dai veri  problemi del territorio. Tutti, e non solo i sostenitori del   movimento  

5 Stelle,  avrebbero apprezzato le dimissioni del  “trasformista” come atto doveroso di coerenza politica.

Ormai la maggioranza di Centro Destra al Comune di Monte Porzio Catone è traboccante di esponenti che son passati con disinvoltura da uno schieramento all’altro nei vari governi della città.  Che dire?

Razzi e Scilipoti, voltagabbana per antonomasia, non reggono il confronto!”