I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino, cucina molecolare – vaporizzatori: il binomio dello chef Marco Paganucci - IL VIDEO

CIAMPINO (attualità) - "Drink It, Taste It, VapeEat" lo slogan dell'arte culinaria promossa dagli imprenditori: Massimiliano Federici, Vincenzo Lauro e Leone Massimiliano

 

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

 

La cucina molecolare arriva anche ai Castelli Romani, a Ciampino per l’esattezza. A veicolare quest’arte culinaria innovativa, il locale VapEat Experience. ilmamilio.it ha intervistato lo chef Marco Paganucci.

ahsi mamilio

Riesce a darci una definizione di cucina molecolare?

“La cucina molecolare nasce da un’intuizione dello chef spagnolo Ferran Adrià. E’ una scienza applicata cucina. Attraverso la cucina molecolare, tutto ciò che è cibo e materia prima è trasformato in diverse consistenze e strutture. L’obiettivo rimane quello di lasciare inalterati i sapori”.


La vostra mission?

“Personalmente facciamo delle rivisitazioni di piatti con delle introduzioni di cucina molecolare. Lo facciamo, tuttavia, con uno step in più: i vaporizzatori personali, che sono entrati ormai a far parte della vita quotidiana di tante persone. Noi li accostiamo alla cucina”.

 

Dov’è la bellezza e l’attrattività della cucina molecolare?

“Tutto può essere trasformato in strutture diverse. E’ questo il bello, stupiamo i clienti, gli proponiamo qualcosa a cui non sono abituati e alla fine li riportiamo a qualcosa che già conoscono. Non perdiamo l’identità del piatto e della materia”.

Clicca sull'immagine per scoprire il condominio Antares

 

La cucina molecolare è accompagnata spesso da scetticismo. Perché?

“Lo scetticismo accompagna tutto ciò che è nuovo. La cucina molecolare va a cambiare le abitudine ristorative. Pertanto il cliente va educato. Non si esce più per andare a cena ma per fare un’esperienza a tutto tondo”.

Dietro l’idea di VapEat ci sono tre imprenditori Massimiliano Federici, Vincenzo Lauro e Leone Massimiliano. ilmamilio.it.it ha posto qualche domanda anche a loro.


Potreste spiegarci meglio qual è il legame fra cucina molecolare e vaporizzatore?

“Assaporiamo i gusti sotto altre forme. Come accade nella cucina molecolare, anche i vaporizzatori forniscono questa opportunità. Oggigiorno, alla luce dei numerosi liquidi elaborati, con un vaporizzatore personale si può assaporare il gusto di mango, di cassata e addirittura di sorbetto. Il motto per noi è Drink It, Taste It, VapeEat”.

 

 

 

 

GUARDA IL VIDEO