I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottafferata: un Consiglio surreale anti-Garavini col Bilancio messo da parte e uno streaming penoso

consiglio streaming cocco grottaferrata ilmamilioGROTTAFERRATA (politica) - Ieri una seduta davvero particolare per molti motivi. L'esponente de "Il Faro" accusato per le sue richieste di chiarimento in merito alla consegna dei pacchi alimentari

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Un Consiglio comunale surreale, come ben si conviene in tempi di coronavirus. Ma surreale, per quanto visto ieri sul web (e con quale qualità!) è dire poco.

Doveva essere il Consiglio per approvare il Bilancio comunale - uno dei tanti documenti che in queste settimane passeranno in "Aula" - ed è invece diventa una insistita azione di attacco, praticamente da parte dell'intera maggioranza ed oltre (nota bene: Paolucci, Consoli e Spinelli vanno pienamente considerate nella squadra del sindaco e da oggi non sarà neanche più il caso di ricordarlo), contro il consigliere Massimo Garavini. Reo, a detta dei consiglieri accusanti, di aver indebitamente richiesto e con parole ritenute eccessive inopportune chiarimenti in merito all'attività di consegna dei pacchi alimentari.

Richieste di chiarimenti, quelle di Garavini, che pure - seppur con durezza - e nel pieno dell'azione consiliare e politica, per il momento sembrano destinate a restare senza le risposte che il presidente della commissione Bilancio ha sollecitato.

LEGGI Grottaferrata, Garavini: "Quanta frenetica operatività per i pacchi. Voglio sapere a chi, come, dove e perché sono stati consegnati"todis montecompatri banner ilmamilio

Una posizione, quella del Garavini (Il Faro), chiaramente "aggravata" poi dall'esser stata esplicitata da parte della nostra testata. Una testata "che non si sa se si può chiamare giornale", come ha detto, con fare molto spregiativo fin'anche una consigliera comunale della quale non si nota presenza in Aula consiliare da anni e della quale non si capisce bene quale sia la funzione che stia svolgendo in favore di quei cittadini che dovrebbe rappesentare.

Misteri grottaferratesi.

Cara consigliera siamo sinceri: molto più elegante ed originale l'appellativo "stampa monatta" così caro al sindaco. "Giornaletto" e simili sono termini già visti, poco innovativi.

Insomma: dure le accuse mosse a Garavini da quasi l'intero arco consiliare nel corso di una "seduta" iniziata con due ore di ritardo per problemi tecnici mai risolti. E che avrebbe dovuto trattare di Bilancio, argomento rimandato ai prossimi giorni.

Davverro bizzarro in tempi in cui chiunque partecipi quasi quotidianamente a conferenze in streaming on-line, utilizzando i tanti software gratuiti che il web mette a disposizione. Uno streaming, diciamolo francamente (e in diretta diversi sono stati i consiglieri che l'hanno fatto notare sbuffando a ripetizione, Daniela Calfapietra ad esempio), penoso.

Eppure a Grottaferrata ieri si è celebrato un Consiglio che resterà agli annali. E che gli appassionati del genere dovrebbero poter trovare sul sito istituzionale del Comune di Grottaferrata.

Commenti   

0 #1 nebisinidem 2020-05-13 17:47
ma per i misogini conji che da 30 anni vivono di pOLITICA, non si applica :sad:
Dopo questa ennesima performance, hanno proposto un programma speciale per la rivalutazione dei misogini politici conji :P, hanno rifiutato tutti in coro :oops:
Citazione