I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Il Pd di Frascati: "Dare possibilità a tutti di prolungare servizio asporto fino 21.30"

FRASCATI (politica) - Una nota del circolo dem cittadino

ilmamilio.it

Dal Pd di Frascati riceviamo e pubblichiamo.

"La Regione Lazio, con ordinanza n. Z00037, ha espressamente consentito la “chiusura  delle  attività  commerciali  non  oltre  le  ore  21:30,  fatta esclusione  delle  farmacie,  parafarmacie, aree  di  servizio e  pubblici  esercizi  per  attività  di asporto”.

Questo significa che tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e le attività artigianali (quali, a titolo esemplificativo, come da vademecum della Regione, bar, pub, ristoranti, rosticcerie, friggitorie, gelaterie, pasticcerie, pizzerie al taglio, paninoteche, yogurterie, piadinerie) hanno la possibilità di predisporre l’attività di asporto anche dopo le 21:30 o comunque negli orari stabiliti da apposite ordinanze comunali.

todis montecompatri banner ilmamilio

Il Comune di Frascati, con ordinanza sindacale n.41, ha inteso operare una distinzione – opinabile – tra “ristoranti/pizzerie” e “bar, pub, friggitorie, pizzerie al taglio, rosticcerie, pasticcerie, gelaterie, paninoteche”: mentre per i primi l’asporto è consentito fino alle ore 22:00, per il secondo gruppo questo è limitato sino alle ore 20:00.

Possiamo immaginare che, in prima istanza, l’ordinanza sia stata dettata da una certa prudenza nel ripartire, onde evitare una massiccia circolazione di persone. È però spiacevole constatare che non siano state garantite pari opportunità a lavoratori dello stesso settore, penalizzandone alcuni.

Raccogliamo l’istanza di numerosi gestori di pizzerie al taglio e pub per i quali sarebbe importante, in questo difficile periodo, poter lavorare al meglio delle possibilità concesse. Per questo chiediamo al sindaco un surplus di riflessione, affinché sia garantita anche per le attività finora escluse, la possibilità di garantire ai propri clienti il servizio da asporto almeno fino alle ore 22, come per i ristoranti/pizzerie.

Fermo restando il senso di responsabilità e la massima attenzione che devono avere sia i cittadini che i gestori dei pubblici esercizi, diamo fiducia alla nostra città e aiutiamola a ripartire!