I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Disservizi idrici a Frascati, ora il problema sono le "sacche d'aria" e i "consumi anomali"

FRASCATI (attualità) - Quella che ci attende, probabilmente, sarà un'estate difficile anche sul fronte idrico

ilmamilio.it

"L'ACEA sta effettuando delle manovre sulla rete in uscita dal serbatoio di Vigna Ferri dove, causa gli elevati e anomali consumi, si formano delle sacche d'aria che impediscono la normale circolazione di acqua nelle condotte. L'acqua nel serbatoio c'è ma ci sono problemi nella rete dovuti agli eccessivi consumi che creano depressione nelle condotte che vanno oltre la normale portata. Questi eccessivi consumi sono da ritenersi anomali". A scriverlo nelle scorse ore è stato su Facebook l'assessore Forlini.

"Dalla prossima settimana il Comune supporterà il gestore per contrastare il fenomeno dell'uso improprio dell'acqua. Utilizzare l'acqua potabile per altri scopi è un reato. Attendiamo inoltre dall'ACEA un documento ufficiale con cronoprogramma che illustri stato delle opere in corso e previste nel nostro comune. Questo documento sarà messo a disposizione di tutti e i cittadini potranno verificare cosa si sta facendo e cosa è stato fatto negli ultimi due anni dopo anni di immobilismo.

AGGIORNAMENTO 15,10

L'ACEA sta completando le operazioni di estrazione dell'aria dalle condotte tra non molto l'acqua tornerà nella rete", aggiunge l'assessore.

LEGGI Manca l'acqua nella parte bassa di Frascati. Ma i disagi idrici ai Castelli sono ormai quotidiani

todis montecompatri banner ilmamilio

Al di là delle parole dell'assessore Forlini e del "cronoprogramma", appare evidente sin da oggi - ma purtroppo lo avevamo scritto qualche settimana fa in tempi non sospetti - che quella alla quale ci apprestiamo sarà un'estate difficile anche sul fronte dell'acqua.

Appare singolare che il gestore addebiti ad un "consumo anomalo" il disservizio, quando è chiaro sin da oggi che il "consumo anomalo" è e sarà sempre più provocato da un aumento dell'acqua normalmente necessaria durante la stagione calda.

E con la gente che avrà poche possibilità di muoversi, è chiaro che i problemi che dovremo affrontare - anche su questo fronte - non saranno pochi.