Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Cosa sono le postazioni per tamponi drive-in che le Asl laziali stanno attivando sul territorio?

FRASCATI (salute) - Vi si accede per convocazione, riservate a personale e operatori sanitari ma anche ai cittadini che ne hanno fatto richiesta attraverso medici curanti e SISP

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Ce ne sono 2 nella Asl Rm6 (Frascati e Pomezia, con annunciata anche una ad Anzio), 3 nella Asl Rm2, una nella Asl Rm3 (Casal Bernocchi), altrettante nella Asl Rm4 (Capena, Bracciano e Civitavecchia) e ben 5 nella Asl Rm5 (Tivoli, Guidonia Monterotondo, Subiaco e Colleferro).

Si tratta delle "postazioni per tamponi drive-in" che le Aziende sanitarie locali del Lazio hanno attivato e stanno ancora attivando in questi giorni sui territori. Strumenti di prevenzione che però, contrariamente a quanto potrebbe sembrare dalle comunicazioni, non sono aperte a tutti.

Postazioni mobili alle quali ci si presenta senza scendere dalla propria auto, appunto in versione "drive-in".todis montecompatri banner ilmamilio

A queste postazioni si accede per convocazione e sono riservate in primis al personale che opera nelle RSA e nelle case di riposo, ma anche a quei cittadino che ne abbiano fatto richiestra attraveso il proprio medico curante o attraverso il SISP (Servizio igiene e sanità pubblica) delle stesse Asl.

Se dopo questa fase, compatibilmente a come si svilupperà l'epidemia, si arriverà a postazioni tampone in grado di accogliere direttamente i cittadini che vi si presentino, è ancora presto per dirlo. 

Al momento la situazione è dunque questa.