I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

I Sindaci del Distretto chiedono l’apertura di un’ulteriore RSA pubblica per il post emergenza

ALBANO (attualità) - Pochi giorni fa l’Asl Roma 6 ha inaugurato una RSA pubblica dedicata agli anziani Covid positivi presso l’ex ospedale di Genzano

ilmamilio.it 

I Sindaci dei Comuni di Albano Laziale, Castel Gandolfo, Lanuvio e Nemi, del Distretto Socio-Sanitario 6.2, hanno inoltrato alla Direzione Generale dell’ASL Roma 6 un’ulteriore richiesta per l’attivazione di una Residenza Sanitaria Assistenziale pubblica sul territorio, in grado di accogliere anziani che si negativizzeranno al Covid-19.

Pochi giorni fa l’Asl Roma 6 ha inaugurato una RSA pubblica dedicata agli anziani Covid positivi presso l’ex ospedale di Genzano. Un’apertura avvenuta con prontezza e tempestività, in seguito all’apposita richiesta dei Sindaci del territorio.

“Purtroppo, i dati ci confermano che le strutture socio-assistenziali per anziani, che sul nostro territorio sono oltre 200 per una popolazione di circa 2.000 soggetti fragili, hanno dimostrato di non riuscire a fronteggiare uno stato di emergenza sanitaria – si legge nella nuova missiva - La sanità pubblica, invece, anche con le azioni soprarichiamate, ha evidenziato la propria efficienza, in particolare a salvaguardia dei soggetti più deboli”.

“Nelle prossime settimane – aggiungono i Sindaci - si porrà il problema di come gestire la fase della convivenza con il Coronavirus e con il post contagio, in particolare in merito alla collocazione degli anziani Covid positivi che si negativizzano e degli anziani che necessitano di una struttura dove poter essere ospitati in tutta sicurezza, pur non avendo le caratteristiche di un vero e proprio ospedale. Questa soluzione arricchirebbe ulteriormente il sistema pubblico della salute sul nostro territorio” concludono gli Amministratori Comunali.

todis montecompatri banner ilmamilio